Le donne calicesi ci insegnano ad essere "Partigiani di umanità" In evidenza

“Sebben che siamo donne" è stato presentato nel borgo della Val di Vara.

Mercoledì, 17 Ottobre 2018 14:54

 

Il libro di Giorgio Pagano e Maria Cristina Mirabello “Sebben che siamo donne. Resistenza al femminile in IV Zona Operativa, tra La Spezia e Lunigiana” (edizioni Cinque Terre), ha fatto tappa anche a Calice al Cornoviglio, nell’ambito della Festa del Castagno.

Dopo l’introduzione dell’assessore alla cultura Stefano Franceschini, Giorgio Pagano si è soffermato sul ruolo delle partigiane in armi e delle staffette, e soprattutto delle donne contadine curatrici e sostenitrici dei partigiani, il cui ruolo fu decisivo anche nel Calicese. L’autore ha ricordato Elvira Pesalovo, sorella del comandante Daniele Bucchioni, delle altre sorelle Adalgisa e Armida e della madre Albina, delle donne della famiglia Fraboschi ai Casoni, delle maestre di Calice zona libera partigiana fin dal giugno 1944, e di tante altre donne “coraggiose, decise e ospitali”, “senza le quali la Resistenza ai monti non ce l’avrebbe mai fatta”.

Bucchioni, ha aggiunto Pagano, ricorda nel libro che, nel rastrellamento dell’ottobre 1944, “le ragazze raggiunsero i partigiani anche nelle postazioni più avanzate, incuranti del grandinare dei proiettili, per distribuire a ciascuno una ciotola di minestra, pane e vino”, e che “questo gesto di solidarietà commosse i partigiani e ne aumentò lo spirito combattivo”. L’omaggio finale è andato a Rina Rebecchi, contadina e pastorella che aiutò e sostenne i parenti tutti partigiani, che proprio quel giorno ha compiuto 88 anni.

Questa la conclusione:
“La cultura oggi egemone nega il principio di umanità. E’ un nuovo egoismo che sgretola le culture dell’umanesimo: la solidarietà cristiana, la fraternità socialista, il buon senso compassionevole del liberalismo. Bisogna tornare a essere ‘partigiani di umanità’: questa è la lezione perenne delle donne calicesi, donne semplici che seppero superare ogni egoismo, riconoscere la sofferenza degli altri e farsene carico. La loro lezione ci dice che le radici dell’umanesimo, nonostante tutto, sono forti e si possono recuperare”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
Ass. Culturale Mediterraneo

Corso Cavour, 221
19122 La Spezia

Tel. 345 6124287
Fax. 0187 732765

associazioneculturalemediterraneo.com/sp/

Ultimi da Ass. Culturale Mediterraneo

Due presentazioni del libro a febbraio, il 7 febbraio alla Spezia e il 28 febbraio a Sarzana. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo
Presentazione del primo volume lunedì 13 gennaio 2020 ore 17 alla Mediateca Regionale Ligure "Sergio Fregoso" Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa