Stampa questa pagina

Lerici, una via per ricordare Odile Botti Poggi "la donna che salvò ciò che restava della Spedizione di Sapri" In evidenza

di Doris Fresco- C'è speranza per vedere una zona di Lerici dedicata alla "mamma della Spedizione di Sapri".

Venerdì, 05 Ottobre 2018 16:16

“Verso le ore sei pomeridiane del giorno 25 giugno 1857, Carlo Pisacane di Napoli, Giovanni Nicotera di San Biaso (in Nicastro) e Battistino Falcone di Acri, (Calabria), seguiti da ventidue prodi amici, sforniti di tutto, ma infiammati del santo amore di patria, si imbarcavano, come passeggieri, sul Cagliari, piroscafo della Società Rubattino, che da Genova faceva vela per Tunisi toccando la Sardegna”, così iniziava la Spedizione di Sapri: otto di questi giovani erano partiti da Lerici, ma esiste una nona persona molto importante per la cultura e la memoria di Lerici, Odile Botti Poggi, ‘mamma’ della Spedizione.

Odile Botti Poggi, figure femminili che Lerici ricorda con particolare slancio, essendo stata indiscussa protagonista del Risorgimento. Su di lei Riccardo Bonvicini aveva scritto il libro “Mamma Odile – la lericina e i venti spezzini della spedizione di Sapri”.
Marchesa, era la madre Gaetano Poggi, uno degli otto lericini che seguirono Carlo Pisacane nella spedizione di Sapri tre dei quali, appena ventenni, persero la vita negli scontri con i borboni. Odile Botti Poggi fu espulsa dal Regno delle Due Sicilie perché tentò di far evadere i detenuti attivandosi tramite le sue conoscenze a Genova e Roma. Il tentativo fallì, ma Odile proseguì nel suo impegno continuando ad intrattenere rapporti epistolari con il figlio e con Giovanni Nicotera, braccio destro di Pisacane anche lui sopravvissuto agli scontri. Fu proprio Nicotera, che in seguito divenne ministro del Regno d’Italia a definirla “La donna che salvò ciò che restava della spedizione di Sapri”.

Odile viene ricordata ogni anno anche dalla Società Marittima di Mutuo Soccorso, che tradizionalmente depone una corona sotto alla targa dei partecipanti alla Spedizione di Sapri, per ricordare sia la fondazione della Società (6 Giugno 1852), sia gli otto partecipanti lericini alla Spedizione, tutti marittimi, sette Capitani e un nostromo, di cui la metà soci fondatori della Società. È proprio della Marittima la proposta di dedicare a questa importante lericina una via: “Una figura importantissima, che merita di essere ricordata. Crediamo sia una doveroso un gesto del genere, sia per ricordare il suo operato, sia perché donna di grande spessore”.
La richiesta è stata inviata all’Amministrazione: “Credo ci siano speranze perchè questa nostra proposta possa essere accolta- conferma Bernardo Ratti, presidente della Società Marittima di Mutuo Soccorso- Siamo molto fiduciosi e, nel caso venisse accettata la nostra proposta, siamo pronti per valutare insieme all’amministrazione il sito adatto".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

La nota dei consiglieri di Fratelli d'Italia Maria Grazia Frijia e Sauro Mannucci. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Lo scrittore spezzino presenterà il suo libro nell'ambito della rassegna "Monterosso un mare di libri". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa