Fourteen ArTellaro: il nono appuntamento è con l’oscuro indagare di Caterina Silva In evidenza

Inaugurazione del nuovo appuntamento de "La Superficie accidentata" il 22 settembre ore 19.00. L'esposizione è visitabile fino al 5 ottobre.

Mercoledì, 19 Settembre 2018 13:22

Il nono appuntamento con l'arte nello spazio di Fourteen per la rassegna "La superficie accidentata" sarà l’oscuro indagare di Caterina Silva.

"Il sentiero in cui Caterina si addentra col suo esercizio artistico si misura con il profondo, l’inusuale, un luogo dove il solito è assente e la misura perde ogni riferimento- scrive Gino D'Ugo, curatore della rassegna- Il bosco scuro, l’abisso, l’inaccessibile, il lato sommerso dell’iceberg dove le cose si celano. I sensi e l’intuizione, più che la ragione, fanno da guida in luoghi impervi, dove solo mettendo un piede dopo l’altro si ritorna alla luce".

Per la narrazione è un racconto che fa da introduzione e ci porta in un luogo: “Due donne sono state viste uscire dalla piccola stanza di Tellaro nella notte, sigillare la porta e trascinare al loro seguito un oggetto voluminoso avvolto in una coperta ricamata. Non avevano fretta, non sembravano impaurite dall’essere scoperte. Una alta e magra, l’altra più tozza con la pelle scura, si sono recate al vecchio molo, hanno intonato una canzone e forse lanciato l’oggetto in mare. Dopo poco ha iniziato a piovere una pioggia sottile e silenziosa, si è alzato un vento di terra che spostava l’aria ma non l’acqua.

Nessuno ha più visto le due donne nei giorni seguenti e nessun bagnante ha lamentato la presenza di corpi estranei nel porticciolo. E’ possibile che le due donne abbiano svolto un rito ma non è chiaro se questo sia stato compiuto nella piccola stanza in cui ora è installata la mostra o invece sul molo in quella notte di pioggia. Non è chiaro neanche se si trattasse di un rito. Oppure se in mostra sarà esposto l’oggetto misterioso, ritrovato in seguito da un pescatore attento”.

Prosegue D'Ugo: "Caterina Silva considera la sua pratica pittorica una lotta con il linguaggio e i suoi sistemi di classificazione. Usa la pittura per sondare le parti opache della mente, quello che non è possibile altrimenti spiegare a parole. Genera immagini aperte, disponibili all’immaginazione dell’osservatore. Le forme che si producono sulla tela sono impressioni, segni che il presente lascia sulla sua coscienza e che lei assorbe e restituisce prima che sia possibile codificare.

I tratti gestuali nei dipinti registrano le tracce dei suoi processi mentali e sono usati come strumenti per arrivare a mappature di immagini, aperte a molteplici interpretazioni. Questi gesti sfuggono al linguaggio e a una possibile classificazione, allontanando significati univoci e lasciando gli spettatori in bilico su terreni mutevoli. Questo processo fondamentalmente intuitivo, porta Silva a successive indagini teoriche.

L'artista ha sviluppato nel tempo una serie di azioni come alternative o integrazioni all'uso tradizionale del pennello. Da questi esperimenti, utilizzati inizialmente come strumenti empirici per esplorare le connessioni tra libertà, gesto e strutture mentali, Silva elabora delle tecniche che le consentono di disfarsi dei propri automatismi. Ad oggi, le azioni che Caterina Silva esegue durante il suo processo pittorico riflettono la sua continua ricerca sulla natura della mente, le routine quotidiane e le ossessioni personali / collettive su cibo, corpo, spiritualità, accumulo, consumo e spreco".

Artisti Partecipanti

 Paolo Assenza / Christian CiampoliChristian Ciampoli / Giovanni Gaggia / Mauro Folci / Alessandro Brighetti / Davide Dormino /Caterina Silva / Corinne Mazzoli / Marina Paris / Iginio De Luca / Igor Grubic Radio Zero.

 

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Ennesima decisiva sfida in questo pazzo finale di campionato. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa