“Wajib - Invito al matrimonio”, un film che fa riflettere sulla situazione palestinese In evidenza

La proiezione mercoledì 8 agosto alle 21.30 all'Arena Porto Mirabello.

Martedì, 07 Agosto 2018 09:26


Mercoledì 8 agosto alle ore 21,30 all’Arena Porto Mirabello l’Associazione Culturale Mediterraneo e il Cinema “Il Nuovo” organizzano la proiezione del film “Wajib - Invito al matrimonio” di Annemarie Jacir.

C’è una tradizione in Palestina secondo la quale le partecipazioni di nozze si consegnano personalmente, a mano, come forma di rispetto verso gli invitati. Questa consuetudine è al centro di Wajib (in arabo, “dovere”), terzo lungometraggio della regista palestinese Annemarie Jacir.
Il film narra infatti la storia di un padre di nome Abu Shadi e di un figlio Shadi (i due straordinari Mohammed Bakri e Saleh Bakri, padre e figlio anche nella vita reale) che si trovano a Nazareth per consegnare direttamente gli inviti di nozze di Amal, rispettivamente figlia e sorella.
Tutto si svolgerà nell’arco di una giornata e perlopiù all’interno della vecchia Volvo di Abu Shadi, un ambiente costretto dove i due per la prima volta si troveranno a dirsi cose finora non dette.
Verranno fuori due posizioni opposte: da un lato quella più conciliante e tollerante verso il suo paese di Abu Shadi, un palestinese che vive in Palestina e che ha accettato di sottomettersi allo Stato d’Israele (lui è un insegnante e le scuole palestinesi sono attentamente monitorate dagli “Ispettori di conoscenza” che lavorano per il Ministero dell’Istruzione Israeliano), dall’altra quella più netta di Shadi, un giovane che si è trasferito da tempo all’estero e che ha difficoltà a riconoscersi nelle tradizioni e nei valori di coloro che hanno scelto di rimanere nella terra natia.
Un conflitto generazionale che sarà amplificato dalla complessità del contesto socio politico in cui sono immersi: Nazareth, la più grande città della Palestina storica, ora Stato d’Israele, i cui abitanti sono palestinesi cristiani (40%) e musulmani (60%). Lì, in quella città carica di tensioni, vivono alcuni “palestinesi invisibili” che hanno accettato di vivere con diritti limitati pur di restare nel loro paese.
Alla fine nessuno dei due protagonisti avrà ragione o torto. Ma il passato è sempre presente e pronto ad affiorare.

Wajib racconta così con grande intelligenza la storia di due uomini che provano entrambi dolore e rabbia, anche se non lo mostrano allo stesso modo, e ci promette una possibile riconciliazione.

Autore
Vota questo articolo
(2 Voti)
Ass. Culturale Mediterraneo

Corso Cavour, 221
19122 La Spezia

Tel. 345 6124287
Fax. 0187 732765

associazioneculturalemediterraneo.com/sp/

Ultimi da Ass. Culturale Mediterraneo

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa