Bonassola, “Il Ciclope” chiude “Teatro in pista 2018” In evidenza

Ultimo appuntamento con la prima edizione della rassegna che ha portato gli spettacoli sulla pista ciclabile che collega Framura, Bonassola e Levanto.

Mercoledì, 25 Luglio 2018 09:47

Sabato 28 luglio si chiude a Bonassola la prima edizione di “Teatro in pista”, una rassegna ideata e prodotta da Teatro Pubblico Ligure, STAR –Sistema Teatri Antichi Romani e Città di Bonassola, portando gli spettacoli sui percorsi cicloturistici più conosciuti della Liguria, in questo caso sulla pista che collega Framura, Bonassola e Levanto. In piazza Cento Croci, alle ore 21, vanno in scena Mario Incudine e Antonio Vasta con “Il Ciclope”, il canto IX del poema omerico proposto all’interno del progetto Odissea un racconto mediterraneo, ideato e diretto da Sergio Maifredi.
Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Informazioni su www.teatropubblicoligure.it o al 329 0540950.

“Il Ciclope” è il primo cunto di Odisseo. È il racconto con cui inizia la "versione di Odisseo". Alla reggia di Alcinoo, Odisseo ascolta Demodoco il cantore narrare della guerra di Troia e dei ritorni degli eroi sopravvissuti. Odisseo piange e si rivela ad Alcinoo. Omero dal racconto in "oggettiva" passa al racconto in "soggettiva". Odisseo dipana per Alcinoo il filo delle sue avventure ed inizia con gli "effetti speciali", con il ciclope Polifemo, certo di catturare l'attenzione del re e di ottenere da lui navi per tornare ad Itaca. Mario Incudine, artista di straordinario talento, attore, cantante, scrittore, dopo il successo de Le Supplici a Siracusa di cui ha firmato la regia con Moni Ovadia e di cui è stato interprete e traduttore in lingua siciliana, affronta a suo modo questo "cunto". Lo trasforma in un vero e proprio canto con musiche scritte appositamente da Antonio Vasta, suo fidato collaboratore.
Il Ciclope di Omero si contamina con la riscrittura di Pirandello e di Sbarbaro, entrambi "traduttori" del Ciclope di Euripide. Ed è interessante notare che Pirandello lo traduca a ridosso della prima guerra mondiale e Sbarbaro della seconda. Il Ciclope anche questo è: la forza bruta contro l'intelligenza, la violenza contro l'accoglienza.

“Ho pensato Teatro in pista percorrendo accanto al sindaco Bernardin, la passeggiata di Bonassola. Un microcosmo di pace ed eleganza della nostra Liguria. Sentivo il desiderio di creare un progetto aperto, dedicato a chi è in vacanza tra Levanto, Bonassola e Framura. La pista ciclabile, sulla antica linea ferroviaria, è la naturale via di comunicazione, a piedi, in bicicletta, in un tempo lento e naturale. E allora Teatro in pista, dove la pista è anche un po’ quella del circo, dove lo spettacolo è vero e finto al tempo stesso, dove se vuoi incantare devi essere bravo davvero o il leone ti mangia o l’acrobata sbaglia il salto. Questo nuovo progetto nasce nello spirito di Teatro Pubblico Ligure: portare in scena il territorio", afferma Sergio Maifredi.

Odissea un racconto mediterraneo è un progetto andato in scena con successo in tutta Italia. Ideato e diretto da Sergio Maifredi, con la consulenza letteraria di Giorgio Ieranò e Matteo Nucci, si basa sulla convinzione che riportare i grandi classici della letteratura occidentale nella forma orale per cui sono stati originariamente concepiti, li consegni a una forza comunicativa in grado di parlare al cuore degli spettatori di oggi.
“Odissea – Un racconto mediterraneo – spiega Sergio Maifredi - è un progetto permanente, un percorso da costruire canto dopo canto scegliendo come compagni di viaggio i grandi cantori del teatro contemporaneo e quegli artisti che sappiano comunicare in modo estremamente diretto, non con la protezione del “buio in sala” ma guardando negli occhi il proprio pubblico, non proteggendosi dietro gli schermi delle belle luci o di una bella musica di sottofondo ma affrontando a mani nude la parola. Odissea ha debuttato nel 2009 e ha inchiodato ai sedili di pietra dei teatri antichi e di velluto rosso migliaia di spettatori e che a Bonassola porta due spettacoli affidati ai più grandi interpreti di oggi”.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Massimo Guerra- Domani al Mapei Football Center per le aquile non sarà affatto facile. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
"Il movimento Comunista ed operaio italiano, i suoi militanti hanno dato la vita per il nostro Paese". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa