Il “Carlevà dea Spèza” si apre con una mostra all'Etnografico In evidenza

Attivato anche un progetto di alternanza scuola-lavoro e laboratori didattici.

Giovedì, 25 Gennaio 2018 14:10
Prende il via domenica 28 gennaio il ricco calendario di iniziative dedicate al “Carlevà dea Spèza”, nell’ambito del programma organizzato dall’Associazione Prospezia insieme agli Assessorati alle Attività Produttive, Cultura e Turismo e Città dei Bambini del Comune della Spezia.

Alle ore 17.30 sarà inaugurata presso il Museo Civico Etnografico “Giovanni Podenzana”, una mostra sul tema “Il Carnevale alla Spezia tra Ottocento e Novecento”, che resterà aperta fino a lunedì 19 marzo 2018, in occasione della festa patronale di San Giuseppe. L’evento è promosso dai Servizi Culturali del Comune della Spezia e dal Museo cittadino in collaborazione con l’Associazione Prospezia.
Progettata e allestita per la prima volta quest’anno, la mostra si pone l’obiettivo di diventare un evento ricorrente che apporti nuova linfa agli studi e alla conoscenza di un periodo storico di notevole importanza per la Spezia, ovvero l’arco temporale che va dal 1850 circa e giunge fino al secondo conflitto mondiale.

L’esposizione si concentra su un prodotto tipicamente spezzino: la canzonetta. Il Museo Etnografico ne possiede la collezione quasi completa grazie all’instancabile opera di raccolta di Giovanni Podenzana, che fu tra l’altro una delle figure promotrici di sfilate e carri carnevaleschi.

Unica voce viva e autentica della gente, la canzonetta era usata per fare satira e polemica: oggigiorno costituisce un documento interessante sia dal punto di vista linguistico- dialettale, sia dal punto di vista di storia cittadina per i numerosi riferimenti a fatti e personaggi dell’epoca. Tra i pezzi che saranno esposti i visitatori potranno leggere dieci canzonette ottocentesche recentemente restaurate dallo studio sarzanese Novare Servando, corredate da un’attenta analisi linguistica; si ripercorrerà la complicata storia dei personaggi carnevaleschi di Batistòn e Maìa, proponendo fogli volanti originali e si darà un inquadramento generale della storia del carnevale in città.

In parallelo ai preparativi della mostra è stato realizzato un progetto di alternanza scuola-lavoro, avviato con l’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Einaudi-Chiodo” (sezioni Operatore dell’Abbigliamento e Produzioni Tessili Sartoriali Triennio): gli studenti coinvolti hanno studiato e lavorato in classe e al Museo per riprodurre i costumi delle collezioni storiche provenienti da Biassa, ovvero quelli che tradizionalmente indossano Batistòn e Maìa. Il lavoro degli studenti, corredato da fotografie e disegni, sarà anch’esso presentato al pubblico durante l’inaugurazione della mostra: i costumi riprodotti saranno poi indossati durante le manifestazioni del Carnevale di quest’anno.

Un doveroso e sentito ringraziamento va a Rossana Piccioli e Piergiorgio Cavallini per il contributo nella redazione dei pannelli didascalici e nell’analisi dei testi dialettali.

Durante tutto il periodo di apertura della mostra sarà possibile, per le scuole, prenotare un laboratorio dedicato al carnevale e ai personaggi di Maìa a Batistòn: STORIE DA RISCOPRIRE: LA TRADIZIONE DEL CARNEVALE DELLA SPEZIA a cura del Museo e della Cooperativa Zoe e che, come tutti i laboratori della proposta didattica, ha un costo di euro 2,00 a partecipante.


Per informazioni:
Museo Etnografico ‘Giovanni Podenzana’
via del Prione, 156
19121 – La Spezia
tel. 0187 727781


Orario di apertura:
giovedì: 10 – 12.30
venerdì, sabato e domenica: 10 – 12.30 e 16 - 19

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Download allegati:
Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Museo Etnografico

Fanno parte della Collezione Sergio Del Santo. Leggi tutto
Museo Etnografico

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa