Con Desertis Locis alla scoperta dei paesi fantasma di Portesone e Barbazzano In evidenza

Domenica 12 marzo, dalle ore 10.00, si svolgerà la visita storica culturale ai paesi fantasma di Portesone e Barbazzano siti sulle colline lericine (Tellaro).

Mercoledì, 08 Marzo 2017 09:08

Il punto di incontro è previsto nel parcheggio adiacente al cimitero di Tellaro (Via Fiascherino). La durata dell'evento sarà pari a 3h circa e comporterà la visita dei due paesi con adeguata sosta fotografica e il racconto della storia del luogo.
È richiesto abbigliamento sportivo, meglio se con pantaloni lunghi e scarpe da ginnastica o trekking.
Per gli associati l'evento è gratuito, per i non associati il costo è pari a euro 5,00.

Brevi Cenni Storici
A 138 metri s.l.m., Portesone, antico villaggio agricolo - pastorale presenta poche case diroccate, soffocate dalla folta vegetazione, ma la struttura perimetrale del paese è ancora visibile. Come nei più classici villaggi di agricoltori, le case in pietra erano strutturate su due piani: il livello inferiore era adibito a stalla, mentre le abitazioni erano al primo piano, raggiungibili da scale in legno, esterne e mobili, che purtroppo non sono più visibili, causa la completa disintegrazione. Queste case "torri" erano indispensabili soprattutto per difendersi dalle frequenti incursioni da parte dei pirati. Nel XVI secolo la peste colpì gravemente gli abitanti di questo borgo e i sopravvissuti si rifugiarono a Barbazzano, altro paese oggi abbandonato raggiungibile seguendo il sentiero che da Portesone prosegue in piano. Tra faggi e cipressi, e qualche campo coltivato, ci si lascia alle spalle qualche nuova abitazione e un tipico muretto a secco, a 115 metri s.l.m. l'antichissimo borgo di Barbazzano, già menzionato nel 981 in un diploma di Ottone II, divenne comune sotto la protezione di Pisa. Dall'anno 1152 il borgo fortificato compare in alcuni documenti insieme al castello di Ameglia con il quale condivise le sorti e la storia, poiché Barbazzano presidiava l'omonimo distretto nella curia di Ameglia e da lì passava l'antica via che metteva in comunicazione l'attuale litorale lericino con la vallata del Magra ma soprattutto con il castrum di Ameglia, sede del vescovo.
La leggenda vuole che Barbazzano venne distrutto da un'invasione saracena nel XV secolo, ma non fu così: nel XIV secolo, la peste provocò l'abbandono del borgo e la nascita di Tellaro e Fiascherino.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(2 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

E' stato individuato anche lo spacciatore che aveva fornito lo stupefacente al giovane. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
L’alluvione di ieri ha alzato il livello del fiume Magra che ha trascinato via l’ultimo mezzo rimasto sul ponte crollato di Albiano. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa