La Pecora nera: idee fuori dal gregge In evidenza

di Doris Fresco

La "Pecora nera", la nuova nata tra le associazioni culturali della provincia, si è presentata ieri ufficialmente con una grande festa a Falconara, ideata per far conoscere al pubblico gli aspetti che più stanno a cuore ai membri dell'associazione: giovani che si riuniscono in maniera positiva, musica e divertimento.

Domenica, 30 Dicembre 2012 10:10

Tutto questo almeno per iniziare, infatti il progetto che ha portato questi giovani, prevalentemente santerenzini, a riunirsi creando un'associazione è la cultura: sono molti infatti i progetti che le pecore nere hanno in mente: corsi di lingue, corsi di fotografia, cineforum e incontri con autori, oltre all'ambizioso progetto di creare, un giorno, una web radio. Luca Pacileo, il presidente della pecora nera, spiega "il nostro scopo è racchiuso in uno slogan che a noi piace ripetere più di ogni altro: vogliamo andare contro la logica del centro commerciale con un centro culturale, per dare ai giovani, ma non solo a loro, uno spazio in cui esprimere le proprie potenzialità, in cui accrescere la propria cultura" e ci tiene molto a precisare "la nostra pecora nera non ha ambizioni politiche o partitiche e non è nemmeno un movimento, ma semplicemente un gruppo di persone che ha sentito l'esigenza di riempire uno spazio." L'idea dell'associazione, proposta da Marta Medicina, quasi un anno fa, ai suoi amici, ha trovato subito un forte trasporto e una grande volontà di fare da parte degli altri ragazzi e la scelta del nome è sembrata naturalmente ispirata dai valori condivisi, spiega sempre Luca: "La pecora richiama l'immagine dell'appartenenza ad un gregge, luogo dove si sente sicura e le possono dire facilmente cosa fare e dove andare: noi crediamo che molti giovani d'oggi invece abbiano bisogno di uno spazio fuori da questo gregge, uno spazio dove vivono le pecore nere".
L'ingresso nell'associazione è aperto a tutti, senza limite di età, tramite tesseramento, che non deve essere inteso come la classica tessera del partito, sottolinea Luca, ma esclusivamente come riconoscimento che diamo a chi voglia diventare nostro socio, simbolo del progetto che vogliamo creare.
Oltre ai numerosi corsi e ai momenti di festa, la pecora nera sta già prendendo contatti per aderire a progetti di solidarietà e utilità sociale, per dimostrare una partecipazione attiva alla società in cui vivono, non politicizzati, quindi, ma politicamente attivi, cioè attenti alla cosa pubblica.
Tutti i dettagli dei corsi, dei progetti e delle riunioni future, saranno resi noti tramite facebook, in attesa di un vero e proprio sito, all'indirizzo http://www.facebook.com/AssociazioneCulturalePecoranera

 

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Alessio Boi- La storia di Massimo Beyerle e di come si è organizzato per smettere di vedere i sacchetti rotti e la spazzatura sparsa in mezzo alla strada. L'uomo:… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Bocciato l’emendamento del gruppo “LeAli” e del M5S. Melley: “Le risorse? Da una spesa inutile come il campo da golf a Pitelli”. Il centrodestra: “Proposta strumentale”. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa