Laura D’Alessandro a San Terenzo: “Il Mediterraneo è il mare della speranza, non solo del conflitto” In evidenza

Il progetto dell'Associazione Culturale Mediterraneo "Mediterraneo diviso. Prove di dialogo" ha preso il via al Parco Shelley di San Terenzo con la presentazione del libro di Laura D'Alessandro "Mediterraneo crocevia di storia e culture" (in collaborazione con il Comune di Lerici).

Venerdì, 02 Settembre 2016 18:09
Giorgio Pagano, presidente dell'Associazione, ha presentato il libro definendolo "un libro di speranza", "che ci parla di un Mediterraneo modello di civiltà e di mescolanza di culture diverse" e "mare dell'universalismo, che si alimenta attraverso l'apporto delle differenze che convivono".

La D'Alessandro, ha continuato Pagano, "ci spinge a prendere atto che i confini dell'Europa non coincidono né con quelli dell'euro, né con quelli dell'Unione o della Nato, ma abbracciano tutti i Paesi confinanti, dal Medio Oriente al Nord Africa; e quindi ci spinge a 'unire le due sponde', smettendola di costruire muri e costruendo invece partenariati economici, sociali, culturali". E' quello, ha concluso, che è mancato in questi anni: "l'Europa non ha saputo guardare al Sud, non ha fornito una sponda adeguata alle primavere arabe, le ha lasciate sole, contribuendo in questo modo a rafforzare il fondamentalismo islamico e il terrorismo".

Concetti su cui è tornata l'autrice: "Il Mediterraneo è tante cose insieme, è stato ed è anche teatro di sangue, ma non deve essere visto solo come conflitto, perché è stato ed è anche e soprattutto un laboratorio di meditazione per la convivenza pacifica". "L'orizzonte del mare -ha proseguito- è l'andare oltre, è la speranza", e "il pensiero mediterraneo è l'unico pensiero alternativo al nichilismo dilagante nel mondo occidentale, perché non fa coincidere progresso e sviluppo e combatte la velocità nel nome della lentezza".

Alla domanda su chi oggi incarna questa speranza la D'Alessandro ha risposto: "Non il potere dall'alto ma il nostro impegno personale e sociale dal basso, innanzitutto quello in campo culturale, perché la cultura è l'antidoto ai pregiudizi e allo scontro tra civiltà". Pagano ha convenuto: "Guardiamo alla Tunisia, è l'unico Paese dove la primavera araba non è diventata inverno, perché la società civile si è impegnata ed è riuscita, con una spinta dal basso, a spingere la politica a formare un governo in cui convivono, su posizioni laiche, sia le forze di sinistra che le forze islamiste".

La prossima iniziativa del progetto si terrà sempre al Parco Shelley di San Terenzo mercoledì 7 settembre alle 21, con lo scrittore ed antropologo Marco Aime, che discuterà di "Convivenze".

Per ogni informazione sul progetto cliccate qui.


(Foto: Enrico Amici)

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
Ass. Culturale Mediterraneo

Corso Cavour, 221
19122 La Spezia

Tel. 345 6124287
Fax. 0187 732765

associazioneculturalemediterraneo.com/sp/

Ultimi da Ass. Culturale Mediterraneo

Rinviate a causa dell'ordinanza regionale sull'emergenza epidemiologica. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo
Martedì 25 febbraio alla biblioteca Beghi per il ciclo "Religioni e politica". Organizza l'Associazione Culturale Mediterraneo. Leggi tutto
Ass. Culturale Mediterraneo

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa