Progetto Odissea, un racconto mediterraneo, Parco Shelley a San Terenzo dal 27 luglio al 10 agosto In evidenza

Dal 27 luglio al 10 agosto, organizzate e promosse da Comune di Lerici e da Sviluppo Turistico Lerici, tre serate tra mito e contemporaneo in viaggio nella cultura del Mediterraneo con il progetto Odissea - un racconto mediterraneo firmato da Sergio Maifredi e prodotto dal Teatro Pubblico Ligure per la prima volta a Lerici grazie a Comune di Lerici e Sviluppo Turistico Lerici.

Sabato, 23 Luglio 2016 16:11


Apre Roberto Alinghieri il 27 Luglio interprete di un "Odisseo ed Argo, il cane fedele" da non perdere, prosegue Amanda Sandrelli, il 3 agosto con un'affascinante Calipso ed il gran finale il 10 agosto con Tullio Solenghi interprete dell'indimenticabile episodio di "Odisseo e Penelope".

 


Il progetto Odissea - un racconto mediterraneo ha debuttato in Liguria, al Festival internazionale degli scali a mare di Pieve Ligure ed è presentato in Italia davanti al mare e nei siti archeologici a testimonianza della forza della parola antica per il racconto del contemporaneo.

 

mercoledì 27 Luglio


Odissea - Un racconto mediterraneo


Roberto Alinghieri


Odisseo ed Argo, il cane fedele


Canto XVII


Traduzione di Giovanni Sciamarelli

"Infelice, non starmi più
a piangere qui, non sciuparti
la vita: ormai di cuore
ti lascio partire.
...ti manderò dietro il vento,
perché illeso tu arrivi
alla terra dei padri"

 

Un grande incontro tra Odisseo ed il fedele cane Argo quello narrato da Omero , magistralmente interpretato da un grande attore della scena contemporanea nel cast di Odissea chiamato ad interpretare uno dei brani più poetici scritti da Omero. Alinghieri regala al progetto ed agli spettatori un finale che permette di recuperare una grande interpretazione That's Omero del Quartetto Cetra.

 

Mercoledì 3 agosto


Odissea - Una racconto mediterraneo


Amanda Sandrelli


La ninfa Calipso


Canto V

"Infelice, non starmi più
a piangere qui, non sciuparti
la vita: ormai di cuore
ti lascio partire.
...ti manderò dietro il vento,
perché illeso tu arrivi
alla terra dei padri"

 

Calipso, colei che nasconde.


È nella sua isola che Odisseo si trova ormai da sette anni quando Atena implora gli altri dèi di accorgersi di q uesto eroe che ancora non ha fatto ritorno a casa dopo la guerra di Troia.


Calipso gli ha offerto l'immortalità e la sua bellezza eterna.


Odisseo sa a cosa rinuncia ma non vuole smettere il suo essere uomo mortale. Calipso, piangendo, lo lascerà riprendere il viaggio.


Amanda Sandrelli, con forza e dolcezza, dà vita ad una umanissima Calipso.

 

Mercoledì 10 agosto


Odissea - Una racconto mediterraneo


Tullio Solenghi


Odisseo e Penelope


Canto XIX

 

"Lui, parlando,
diceva molte menzogne
che somigliavano
a cose vere,
e lei, ascoltandolo,
versava lacrime,
che le devastavano
il viso..."

 

È il primo incontro tra Odisseo e Penelope, dopo che Odisseo è approdato a Itaca.

Ma è un incontro apparentemente impari. Odisseo finge di essere uno straniero che molto ha errato per mari e che, in una terra lontana, ha pure incontrato Odisseo.

Chiede di poter parlare a Penelope in privato, lontano dagli sguardi dei proci.


Penelope si lascia incantare dal racconto dello "straniero". Gli chiede prove: come era vestito Odisseo quando lo ha incontrato?


E lo "straniero" ne fa una descrizione fotografica, quasi comica nella precisione dei dettagli, fin troppo perfetti.


Penelope forse un sospetto lo ha, forse ha intuito che l'uomo di fronte a lei è il suo sposo. Ma gli dèi fanno calare il sonno sulle sue palpebre.

 

ingresso libero

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

E' stato individuato anche lo spacciatore che aveva fornito lo stupefacente al giovane. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
L’alluvione di ieri ha alzato il livello del fiume Magra che ha trascinato via l’ultimo mezzo rimasto sul ponte crollato di Albiano. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa