"Futurismo e Futurismi alla Spezia" per I Mercoledì del CAMeC In evidenza

Mercoledì 18 novembre alle 17.30 prosegue il ciclo di incontri "I mercoledì del CAMeC", che propone digressioni e approfondimenti a latere della mostra Dal disegno al segno, da Fattori a LeWitt. Gli appuntamenti, ad ingresso libero, avranno cadenza mensile fino alla primavera del 2016.

Lunedì, 16 Novembre 2015 09:50

 

Il secondo, dal titolo Futurismo e Futurismi alla Spezia, prende spunto dal nucleo di opere di Fortunato Depero, Gerardo Dottori, Pippo Oriani, Enrico Prampolini, presenti in mostra. Eleonora Acerbi, storica dell'arte e conservatore del CAMeC, ricorderà i principali momenti della vicenda futurista spezzina; mentre Roberto Alinghieri interpreterà alcuni brani aeropoetici dedicati alla città.

Il Futurismo giunge alla Spezia già nel 1914, in occasione di una rumorosa Serata al teatro Politeama, fonte di scandalo e di sconcerto per il pubblico sprugolino, e ancora nel '16, '20, '21 e '24 con diverse rappresentazioni teatrali. Nel contempo artisti indigeni (Tucrito Balestri, Giuseppe Caselli, Giovanni Governato) aderiscono all'avanguardia e una particolare frangia estremista del movimento, l'anarco-futurismo, trova nello stesso Governato e in Renzo Novatore due dei più genuini interpreti. I primi anni Trenta, infine, vedono il periodo di più incisiva frequentazione della Spezia, coincidente con l'affermarsi del cosiddetto Secondo Futurismo.

Il golfo e la città, giovane, moderna e armata, rappresentano il territorio ideale per l'incursione e l'azione futurista: basti ricordare l'importanza dell'Arsenale militare, l'imponenza dell'incipiente apparato industriale e cantieristico e la presenza di ben due idroaeroporti. Nel '32 si tiene la mostra Aeropittura e Arte sacra futuriste e nel '33 viene organizzato il Premio Golfo della Spezia, rassegna-concorso ideata dall'infaticabile Marinetti, che, in appendice al concorso di pittura, lancia una sfida ai poeti d'Italia, invitandoli a comporre un poema ispirato al Golfo della Spezia. Affidati alla libera interpretazione del soggetto, i componimenti devono disertare l'uso della metrica e non superare le mille parole.

E appunto la lettura di alcuni brani pensati per la sfida, affidata alla virtuosa voce di Roberto Alinghieri, chiuderà l'incontro.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Centro Arte Moderna e Contemporaneo della Spezia

Piazza Cesare Battisti, 1
19124 La Spezia SP

Tel. 0187 730404

camec.spezianet.it/

Ultimi da Centro Arte Moderna e Contemporaneo della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa