Nuovo istituto agrario in Val di Vara? Cavarra e Ravecca appoggiano Federici e dicono "no" In evidenza

"In un momento in cui le amministrazioni locali sono chiamate a proseguire nell'opera di razionalizzazione della spesa l'idea di aprire un nuovo istituto agrario in Val di Vara, creando un doppione rispetto a quello presente da sette anni a Sarzana, è una proposta che ci lascia davvero molto perplessi. Anche perché, di certo, va in controtendenza rispetto all'ottimizzazione dell'offerta scolastica sull'intero territorio provinciale così come è stata messa in atto nell'ultimo periodo".

Lunedì, 09 Novembre 2015 15:24

Il sindaco Alessio Cavarra e l'assessore alla pubblica istruzione Elisabetta Ravecca entrano nel merito delle polemiche scoppiate all'indomani del "no" all'istituzione di un nuovo agrario da parte del presidente della Provincia Massimo Federici che ha scatenato le ire dei sindaci della Val di Vara.

"Certo - continuano gli amministratori sarzanesi - sappiamo che il territorio della Val di Vara vanta una tradizione economica nel settore agricolo e agrituristico ma questo non significa che investire ex-novo in un istituto professionale agrario, quando ne esiste già uno a pochi chilometri presso l'istituto Parentucelli/Arzelà di Sarzana, abbia un senso".

Cavarra e Ravecca dunque concordano con la decisione assunta dal presidente Federici "anche perchè- continuano- l'agrario di Sarzana è costituito da un corso completo, da ben 8 classi ed è attualmente frequentato da 188 studenti provenienti non solo dalla Val di Magra, ma anche da Carrara, Aulla e dalla stessa Val di Vara. Se esistono difficoltà da superare, come ha dichiarato la dirigente del Parentucelli-Arzelà Vilma Petricone, sono quelle legate al potenziamento del trasporto scolastico. Ragioniamo su questo e, qualora talune soluzioni non fossero percorribili, potremmo anche ragionare sulla possibilità di prevedere una sezione distaccata in Val di Vara dell'istituto sarzanese ma insistere sulla nascita di un nuovo polo scolatico in un territorio non certo vasto, che ha appena superato una stagione di razionalizzazione nazionale e regionale per eliminare i doppioni dei corsi e unificare gli indirizzi, significa voler tornare indietro.

Siamo disponibili a sederci attorno ad un tavolo e a confrontarci, a partire dalla necessità di fare sistema per investire le poche risorse che abbiamo a disposizione per migliorare l'offerta formativa per tutti i nostri ragazzi".

 

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Comune di Sarzana

Palazzo Comunale
Piazza Matteotti, 1
19038 Sarzana(SP)
Tel. 01876141

E-mail: urp@comunesarzana.gov.it

 

www.sarzana.org

Ultimi da Comune di Sarzana

Prevista la realizzazione del ponte sul Calcandola, la sistemazione del ponte della Budella e il progetto di miglioramento della viabilità di via Paradiso Leggi tutto
Comune di Sarzana
Lo stato di salute delle alberature a dimora sul nostro territorio, la manutenzione e la corretta potatura del verde sono essenziali al fine di garantire la fruizione, anche in termini… Leggi tutto
Comune di Sarzana

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa