Stampa questa pagina

Inaugura a Boss la mostra di Tano D'Amico, aperitivo offerto da Pia e Bosoni In evidenza

BOSS GALLERY Vi invita all'inaugurazione della mostra "Volevamo cambiare il mondo" di Tano D'Amico. Appuntamento sabato 11 luglio alle ore 19 presso il Centro Allende, con un aperitivo offerto da Cantina Lunae Bosoni e La Pia La Centenaria.

Giovedì, 09 Luglio 2015 10:42

L' immagine nuova diversa, irrompe dagli strappi della storia, quando c'è un conflitto.

Tano D' Amico è fotografo di libertà. E' il fotoreporter che da quarant'anni conduce un consapevole e coerente percorso nel puntare il suo obiettivo sulle persone per cui non c'è posto in un mondo sempre più stretto. Tano fissa sulla pellicola sguardi e volti di uomini e donne che appartengono da sempre ad un' umanità isolata che ha la forza di unirsi insieme per cercare di cambiare il mondo. La mostra presenta una selezione di stampe originali vintages in bianco e nero, per ripercorrere attraverso le immagini la storia dell' Italia e dei movimenti che l'hanno attraversata dagli anni '60 ad oggi. Un momento di riflessione e confronto su i tumultuosi eventi della storia di cui Tano è testimone e narratore.
Una ricerca costante che porta Tano D' Amico ad essere in pellicola come l' anonimo pittore del " Trionfo della Morte" -custodito nel museo di Palazzo Steri di Palermo- che nella sua tela ritrae: mendicanti, pellegrini, donne ammantate dai veli bianchi del lutto...Con la stessa attenzione emergono in quest' occasione dall'archivio fotografico di Tano D' Amico le memorie delle
manifestazioni studentesche dei giovani del '77 in Italia, gli anni delle stragi e dei cortei, le proteste d' emancipazione delle donne e le lotte per la casa nelle periferie romane, scioperi e occupazioni nelle piazze, nelle strade, sui tetti delle carceri, davanti le fabbriche etc...
Immagini che sono diventate icone in bianco e nero con le quali si ha l'opportunità di entrare nella storia insieme agli uomini e le donne costretti a vivere ai margini : giovani studenti, carcerati, pazzi, operai, zingari. Una ricerca costante che porta Tano D' Amico ad essere in pellicola come l' anonimo pittore del " Trionfo della Morte" -custodito nel museo di Palazzo Steri- che nella sua tela ritrae: mendicanti, pellegrini, donne ammantate dai veli bianchi del lutto...Con la stessa attenzione emergono in quest' occasione dall'archivio fotografico di Tano D' Amico, la memoria delle manifestazioni studentesche, delle stragi e dei cortei, delle proteste d'emancipazione delle donne, le lotte per la casa nelle periferie romane, etc
Tano non è un testimone distaccato, è la grana stessa delle sue foto che trasmette l' empatia e la solidarietà per ogni persona che ritrae e che compone questo viaggio visivo lungo quarant'anni. Con il suo obiettivo 35 mm Tano riesce a mettere a fuoco visi ed espressioni delle folle e dei movimenti "quando si sorride e si piange tutti insieme".
Tumulti e passioni ritratti in taglienti e vibranti fotografie, simbolo di una testimonianza coerente del percorso personale di un fotografo schieratosi sempre a fianco di coloro che combattono per migliorare e cambiare le regole di una società che funziona male.

FOTOGRAFIA D'AVANGUARDIA presenta:
Workshop sul potere delle immagini e il rapporto della fotografia con il potere dalla prospettiva di chi vuole cambiare il mondo.
LO SVILUPPO DI UN PROGETTO PERSONALE a cura di Tano D'Amico.

Il workshop si svolge una giornata intensiva il 12 luglio si concentra sul guidare gli studenti nello sviluppo di un progetto fotografico personale e riflettere insieme attraverso la storia del immagine e della fotografia sul rapporto tra immagine e potere.
Il workshop sarà scandito da discussioni di gruppo, incarichi individuali e revisione dei progetti.
Come le nuove tecnologie influenzino lo sguardo contemporaneo e l'evoluzione della pratica fotografica sono alcuni dei temi da affrontare attraverso gli esempi dei progetti condotti daTano D'Amico così come del lavoro dei suoi contemporanei.
Durante il workshop si discuterà la transizione del linguaggio fotografico verso le piattaforme multimediali, l'intersezione tra un lavoro editoriale e un progetto personale e la necessità di collaborazione tra diversi settori.
I partecipanti saranno tenuti a superare i propri limiti e confini, al fine di progredire verso un altro livello nella propria fotografia.
Durante questa giornata i partecipanti al workshop saranno guidati a scoprire tutte le potenzialità di un progetto fotografico attraverso l'editing, critiche e discussioni di gruppo e materiali di ispirazione.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...
Comune della Spezia

Piazza Europa, 1
19100 La Spezia

Tel. 0187 727 456 / 0187 727 457 / 0187 727 459
Fax 0187 727 458

www.comune.laspezia.it/

Ultimi da Comune della Spezia

Il sindaco aggiunge: "Raggio d'azione della nostra Polizia Municipale è stato straordinario in questo trimestre del 2021". Leggi tutto
Comune della Spezia
Menzione speciale per Daniele Tommaso, scomparso di recente. Leggi tutto
Comune della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa