Con Poste e WFP “dona il resto” per i bambini di Haiti e Benin

Si rinnova la collaborazione tra Poste Italiane e il WFP a sostegno dei programmi di alimentazione scolastica ad Haiti e in Benin. Da oggi fino al 3 ottobre, in tutti i 14mila uffici postali, i clienti potranno donare al Programma Alimentare Mondiale (WFP)"il resto" di qualsiasi operazione effettuata allo sportello.I fondi così raccolti andranno ai programmi di alimentazione scolastica che consentono ai bambini più poveri di studiare contando su un pasto a scuola. Bastano 20 centesimi di euro al giorno per garantire cibo e studio.

Lunedì, 03 Settembre 2012 12:08

L'iniziativa di solidarietà"Dona il resto" dà la possibilità ai clienti di devolvere il resto di qualsiasi operazione - postale o finanziaria - effettuata in contanti all'ufficio postale e di aggiungere un'offerta libera fino a 10 euro. I clienti che intendano abbracciare la causa del WFP potranno anche cogliere questa occasione per effettuare una donazione di qualsiasi importo con un versamento sul conto corrente 61559688 intestato a "COMITATO ITALIANO P.A.M. ONLUS" indicando come causale "Programmi di alimentazione scolastica ad Haiti e in Benin".

La scelta di Poste Italiane di mettere a disposizione la rete degli uffici postali per finanziare i programmi di alimentazione scolastica del WFP rientra nelle iniziative di responsabilità sociale promosse dall'Azienda.

"Dona il resto" èl'ultima di una serie di attività realizzate da Poste Italiane a sostegno del WFP. Il 10 maggio del 2011 è stata lanciata congiuntamente la Postepay solidale,la carta prepagata destinata in particolare alle aziende, al loro portafoglio clienti e alla Pubblica Amministrazione. Quest'anno, per ogni carta emessa e per ogni pagamento effettuato, Poste Italiane donerà parte dei ricavi ai programmi di alimentazione scolastica ad Haiti e in Benin, mentre nel 2011 Poste Italiane ha sostenuto le operazioni di assistenza alimentare del WFP in Corno d'Africa, emergenza che aveva messo a rischio la vita di milioni di persone in Etiopia, Kenia, Somalia e Gibuti.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Poste Italiane

Ecco chi può chiedere di usufruire del servizio gratuito. Leggi tutto
Poste Italiane
Per i clienti salute della Compagnia danni e per i dipendenti del Gruppo. Leggi tutto
Poste Italiane

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa