Accoglienza migranti, la Caritas spezzina: "Garantite integrazione e tutela sanitaria"

La Caritas diocesana della Spezia interviene sulla situazione accoglienza rifugiati, che sempre più spesso è oggetto di polemica politica - Come Caritas diocesana della Spezia ci preme fare chiarezza rispetto alle tante notizie che stanno circolando rispetto ai progetti di accoglienza di profughi attualmente attivi nella nostra Provincia. 

Giovedì, 16 Ottobre 2014 15:17

È noto che l'impegno umanitario e fraterno dell'accoglienza nei confronti dei profughi che, negli ultimi mesi, hanno raggiunto il nostro Paese ha interessato il nostro territorio con il coinvolgimento di numerose realtà, istituzionali e del privato sociale, che stanno collaborando, sotto la regia della Prefettura, per offrire ospitalità a tante persone disperate, che scappano dalla fame, dalla guerra, da persecuzioni e privazioni di ogni tipo.

 

I ragazzi accolti presso il nostro territorio sono costantemente monitorati sotto i più diversi profili. L'aspetto di tutela sanitaria è assicurato da una costante collaborazione e monitoraggio della ASL spezzina i cui operatori, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, sin dalle prime ore sono costantemente attivati, con grande competenza e disponibilità, a tutela della salute degli ospiti, degli operatori e di tutta la cittadinanza. Sono presenti medici volontari che quotidianamente visitano le strutture per accertarsi delle condizioni di salute dei giovani profughi. L'aspetto di integrazione è garantito dalla costante presenza di mediatori culturali e dall'organizzazione di corsi di italiano coordinati dall'ISA n. 7 della Spezia. Infine la parte relativa alle pratiche burocratiche per l'iter delle richieste d'asilo è coordinata dalla Questura della Spezia i cui operatori stanno svolgendo un grandissimo lavoro di cui siamo grati.

È con spirito di carità cristiana che la Caritas sta operando presso le sue strutture per offrire un'accoglienza dignitosa e rispettosa delle norme previste per i percorsi di integrazione dei rifugiati che le sono stati affidati. Il mondo del volontariato, ecclesiale e non, quello di molte parrocchie e numerose persone hanno dimostrato sensibilità e apertura. È sicuramente preziosa la collaborazione da parte della dimensione pubblica, soprattutto dai comuni e dagli enti territoriali. Siamo tutti consapevoli delle difficoltà e delle fatiche, anche per le amministrazioni, ma le ondate migratorie sempre più si stanno trasformando in un fatto strutturale e non episodico. Insieme dobbiamo chiederci cosa e come fare.

La Caritas è da sempre attenta a tutti coloro i quali soffrono e vivono in condizioni di povertà, a prescindere dalle appartenenze, dalle provenienze, dalle convinzioni religiose. Questo perché nel volto di ogni essere umano è impresso il volto di Cristo. Questi migranti ci danno la percezione concreta che la globalizzazione non è soltanto un'opportunità economica, ma le inequità dei mercati – come le definisce papa Francesco – spesso costringono le persone a muoversi in massa a causa di guerre, speculazioni e ingiustizie spesso alimentate proprio da quel mondo benestante che poi fatica ad accogliere profughi e migranti. Non esistono, ad oggi, soluzioni semplici e immediate per un fenomeno del quale iniziamo solo ora a vedere i contorni e a saggiarne le dimensioni, sono però richieste a tutti prudenza e consapevolezza, sia rispetto alle risorse disponibile che alla visione globale del problema. Il mare, però, è fatto di tante piccole gocce e si cambia con il cominciare a fare, ciascuno e fino in fondo, la propria parte.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
Caritas

Via XV Giugno, 38
19123 La Spezia SP

Tel. 0187 702468

Ultimi da Caritas

Il Centro Assalam ha donato oltre 1000 litri di latte, 100kg di datteri, 2000 uova, pane, formaggio e altri prodotti alimentari. Leggi tutto
Caritas
Al momento sono in corso le indagini per fare chiarezza sui fatti. Leggi tutto
Caritas

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa