Alle Cinque Terre il trekking diventa "poetico" con i versi di Montale In evidenza

Nel weekend del 23 e 24 ottobre sui sentieri del Parco alla scoperta degli alberi monumentali che vegliano sui santuari di Monterosso e Vernazza e dell'antico Gelso del Persico a Campiglia.

Giovedì, 21 Ottobre 2021 16:28

Sabato 23 e domenica 24 ottobre, il Parco Letterario Eugenio Montale e delle Cinque Terre propone l'ultimo weekend della stagione con i percorsi naturalistico letterari dedicati alla scoperta delle Cinque Terre, attraverso la speciale lente della poesia montaliana.

I sentieri, come sempre, faranno da quinta ai versi del poeta Eugenio Montale, la cui presenza è ancora percepibile nella natura e nel paesaggio custoditi dal Parco: sono gli stessi "dorsi di colli e di cielo", quella terra de "i limoni", le "lame d'acqua"e i "muri d'orto", che hanno ispirato le liriche, oggi più che mai attuali, della raccolta "Ossi di seppia".

Gli appuntamenti - inseriti nella VII Giornata Europea del Parchi Letterari - ruotano attorno agli alberi del Parco che, al pari dei libri, raccontato una storia antica e sono testimoni silenziosi di vicende umane e naturali: come i grandi patriarchi che da secoli affondano le loro radici nei sagrati dei santuari della Madonna di Reggio a Vernazza e della Madonna di Soviore a Monterosso o l'antico Gelso che si staglia tra cielo e mare, nell'abitato del Persico a Campiglia.

Caratteristica dei percorsi è la dimensione dinamica e interattiva nell'ambiente circostante, così come l'ascolto di versi en plein air aiuta a comprendere in profondo i riferimenti di poeti, scrittori e artisti che, nelle suggestioni delle Cinque Terre, hanno trovato l'ispirazione e il proprio luogo dell'anima. A svelare tutti i segreti degli alberi antichi e monumentali del Parco, l'importanza della loro conservazione, e la varietà di significati simbolici attribuiti da grandi autori ed artisti, la letterata Cristina Currarini, in collaborazione con il reparto Carabinieri del Parco Nazionale Cinque Terre. In un racconto corale tra natura e cultura.

Ai cipressi e i filari di lecci monumentali antichi custodi di luoghi di preghiera immersi nella macchia mediterranea è dedicato il primo trekking poetico di sabato 23 ottobre: sopravvissuti alle malattie, al taglio dell'uomo, agli incendi e alle trasformazioni delle aree boschive in aree agricole o cittadine, sono esemplari unici, per età, portamento, valore paesaggistico e non ultimo legami con la storia e la cultura del luogo, divenuti oggetto di tutela e parte del patrimonio artistico italiano. Domenica 24 ottobre si prosegue con l'escursione al Gelso del Persico, l'ultimo testimone vivente dell'economia rurale diffusa nei secoli scorsi, quando il reddito familiare locale proveniva dalla coltivazione della vite e dell'ulivo, dalla pesca e anche dall'allevamento dei bachi da seta.

I percorsi naturalistico letterari rientrano nelle attività delle riserve culturali nate dalla collaborazione tra Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari dei Carabinieri (C.U.F.A.) e Parchi Letterari.

INFO E PRENOTAZIONI

Partecipazione gratuita, prenotazione obbligatoria per un numero massimo di 15 partecipanti a uscita all'email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

>Sabato 23 Ottobre 2021 - h 8:30 - ALBERO CREATURA MERAVIGLIOSA

Durata 4 ore circa (difficoltà: escursionista esperto, con pendenze irregolari, indossare calzature da trekking).
In cammino alla scoperta degli alberi monumentali che vegliano sui santuari di N.S. di Reggio (Vernazza) e N.S. di Soviore (Monterosso), il percorso letterario spazia dalla lettura dei versi di Montale a quelli di altri autori significativi, ponendo gli alberi tipici e la flora locale a elementi protagonisti di un paesaggio eterogeneo e paradisiaco fatto di "dorsi di colli e cielo". Partendo da Monterosso con navetta si sale fino al Santuario di N. S. Di Soviore dove ha inizio l'escursione, attraverso i sentieri n. 582 e 508, fino alla discesa al centro storico di Vernazza. (rientro con mezzi propri).

Ritrovo di fronte Info Point del Parco, presso la stazione ferroviaria di Monterosso, 1° binario, h 8:30.

DIFFICOLTÀ | EE escursionista esperto. Indossare scarpe chiuse, con suola scolpita 'tipo Vibram' antiscivolo. In caso di avverse condizioni meteo l'evento sarà annullato.

Domenica 24 Ottobre 2021 - h 9:00 di fronte alla Chiesa di Santa Caterina, ore 9 (da raggiungere con mezzi propri) - IL GELSO DEL PERSICO

Durata 3 ore circa - (difficoltà: escursionista, con pendenze irregolari, indossare calzature da trekking).

Trekking sul sentiero n. 582 alla scoperta del Gelso del Persico, testimone dell'antica attività di allevamento di bachi da seta. Dall'abitato di Campiglia fino a Case Persico, si scende fra vigneti e case sparse, per ritrovarsi immersi nella macchia mediterranea. Tra letture e suggestioni poetiche e approfondimenti sugli aspetti naturalistici.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Parco Nazionale delle Cinque Terre

Per promuovere attività di snorkeling e immersioni rivolte a sub con discapacità motorie e visive nelle corsie natatorie del Parco. Leggi tutto
Parco Nazionale delle Cinque Terre
Ottobre, la primavera dell'inverno, è il mese ideale per scoprire le Cinque Terre camminando o pedalando Leggi tutto
Parco Nazionale delle Cinque Terre

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa