Scoperto a Levanto il quadro di un autore napoletano del Seicento In evidenza

Sue opere sono esposte anche al Metropolitan di New York e a Londra.

Domenica, 05 Settembre 2021 12:53
Convento SS. Annunziata (Levanto) Convento SS. Annunziata (Levanto) Foto da www.fratiminori.it


Nel maggio scorso, durante un inventario dei beni del convento dei frati minori francescani di Levanto, il responsabile provinciale dell’ordine, insieme a due architetti, ha scoperto, nell’angolo basso di destra di una “pala” raffigurante la Madonna con il Bambino e San Barnardino che invoca protezione su un fanciullo, l’inequivocabile firma “FSF”, attribuibile a Fabrizio Santafade. Si tratta di un importante autore napoletano tra fine Cinquecento e primo Seicento: sue opere sono al “Metropolitan Museum” di New York, al “Victoria Albert Museum” di Londra oltre che a Budapest, Zagabria e Madrid.

 

Secondo Antonio Gussoni, nel Cinquecento la famiglia Zattara, che aveva rapporti commerciali ed interessi nel Napoletano, avrebbe potuto farvi rappresentare “Cesare Zattara junior”. In seguito, nei primi decenni del Settecento, la “pala” sarebbe stata trasferita da Napoli a Levanto a cura della famiglia Saluzzo, subentrata poi agli Zattara nel giuspatronato della cappella dove oggi è inserito il quadro del “San Giorgio che uccide il drago”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Diocesi

Per l'11 settembre un incontro a cui hanno partecipato l'imam di Verona e il vicario generale della diocesi. Leggi tutto
Diocesi
Sabato 11 settembre, in piazza Brin, un incontro organizzato dalla diocesi e dal centro culturale islamico Arrahman. Leggi tutto
Diocesi

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa