Il Mandala delle pecore nere sotto il castello di San Terenzo In evidenza

di Doris Fresco

L'Associazione Culturale Pecora Nera, con la collaborazione del Comune i Lerici, ieri ha deciso di colorare San Terenzo creando un Mandala: un disegno astratto composto da sale colorato.

Lunedì, 27 Maggio 2013 11:36

La tradizione orientale considera il Mandala come l'espressione grafica dell'universo, nella tradizione tibetana è indicato con il nome di "Yantra" ed è usato solitamente come strumento di meditazione poiché favorisce la concentrazione. Il Mandala è la ruota della vita, raffigura l'Universo e come quest'ultimo, sorge dal centro per tendere all'esterno e contemporaneamente ritorna all'interno. Tiziana Tacconi, docente all'Accademia di Belle Arti di Brera, curatrice dell'evento spiega: "il Mandala che proponiamo oggi ha uno scopo terapeutico e di buon auspicio. Sono professoressa all'Accademia di Brera nel Corso di Diploma Accademico di secondo livello in terapeutica artistica, il cui fine è anche di lanciare il messaggio importante che qualsiasi forma di arte può diventare terapia". Il materiale usato per creare un Mandala è variabile, infatti è possibile usare cereali e legumi o sabbia colorata, ma specifica la Tacconi: "il sale rimane l'elemento migliore perché intriso di funzioni terapeutiche e una volta colorato è molto bello da vedere e rilascia una luce davvero unica."

 

Tutti coloro che hanno deciso di partecipare al Mandala si sono presentati vestiti di un solo colore e portato il proprio sale colorato, da aggiungere a quello colorato la settimana scorsa dai bambini santerenzini. Realizzare un Mandala (ma anche vederlo realizzare) è molto suggestivo: il sale viene disposto, diviso per colore, in modo da formare un cerchio e dopo una prima parte dedicata alla preparazione mentale e spirituale, tutti i partecipanti si dispongono seguendo il cerchio tracciato dai mucchi colorati. A questo punto viene posto al centro un po' di sale nero ed ha inizio la creazione vera e propria del Mandala: ognuno prende a propria discrezione una manciata di sale e inizia a disporlo come meglio crede, fino all'esaurimento di tutto il materiale: il risultato è un disegno astratto, ma il Mandala ha la grande particolarità di unire l'astrattezza del concetto alla grande praticità del disporre a mani nude sale colorato. In più ognuno partecipa personalmente al Mandala: ognuno dispone un po' di sale e crea una parte del disegno, ma alla fine non è più possibile distinguere chi ha fatto cosa. Questo modo i fare unisce due aspetti tra loro sempre in antitesi: la collettività e l'individualità, altra preziosa caratteristica di questo rituale.
Quando il Mandala è terminato, dopo un lungo lavoro, i partecipanti tornano in cerchio e camminando verso il centro distruggono l'opera, mescolando il sale: "questo ha un simbolismo molto profondo- spiega Ottavio, studente all'Accademia di Brera- vuole indicare l'atteggiamento di distacco dal materialismo moderno". Distruggere quello che si è appena creato potrebbe far sembrare il Mandala uno spreco di lavoro, una perdita di tempo, invece il rimescolamento del sale, che poi viene regalato ai partecipanti e anche agli spettatori, è di nuovo simbolo di condivisione e positività.
Marta Medicina, la pecora nera che ha proposto e gestito l'evento racconta: "Ci stiamo dando da fare molto per portare proposte di qualità, speriamo che l'amministrazione ci supporti nel nostro lavoro e accolga le nostre proposte sempre con entusiasmo. Da parte nostra cercheremo di garantire sempre un livello molto alto: abbiamo già fissato un calendario molto ricco per l'estate, con aperitivi in barca e dibattiti con autori e scrittori." Il Mandala, che ha visto arrivare a San Terenzo alunni dell'Accademia di Brera, è un chiaro esempio che la strada intrapresa da questa giovane Associazione è quella giusta, per portare nel comune di Lerici cultura, persone da fuori e quindi crescita.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(4 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il fronte ha già attraversato la zona dell'imperiese e transiterà sul centro-levante nelle prossime ore Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Le spezzine cedono solo nel finale. Top scorer delle bianconere è Templari con 14 punti Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa