Guido Cariola, ambasciatore della musica in Italia In evidenza

di Cecilia Castellini- Il tenore girerà la penisola per portare un importante messaggio a favore della cultura e dell’arte

Sabato, 18 Luglio 2020 16:26

Il tenore Guido Cariola, originario di Monterosso, vive in Giappone ma da cinque mesi si trova bloccato in Italia separato dalla moglie e dalle figlie. Lo scoppio della pandemia ha momentaneamente impedito di esaudire la loro idea di tornare a vivere appunto in Italia.
Da domani fino all’11 agosto toccherà quasi tutte le regioni italiane per portare un importante messaggio: la cultura non si ferma. Questa iniziativa è patrocinata da Comune di Monterosso che lo ha nominato “ambasciatore della cultura e dell’arte”.
Questa mattina ne ha parlato su RLV LA RADIO A COLORI, insieme a Emiliano Diglio e Alessandro Bertamino.

“Da domani inizierà questo progetto che mi porterà a girare buona parte dell’Italia per incontrare e ascoltare altri artisti e musicisti che si sono trovati in difficoltà a causa di questa emergenza sanitaria. L’idea è nata dalla situazione attuale di chi lavora nel mondo della cultura. Come sapete i teatri sono rimasti per la maggior parte chiusi e, in generale, si ha difficoltà a fare delle rappresentazioni, ci sono davvero poco eventi e, trovandomi in prima persona in questa situazione, mi sono detto perché non andare a sentire anche altre persone” Ha spiegato il tenore.

“Girerò con una 500 rossa cabrio e incontrerò questi conoscenti, colleghi che mi porteranno in giro per le città a vedere le bellezze del posto e si esibiranno insieme a me. Il tutto sarà trasmesso anche sui canali social, Facebook, Instagram e YouTube nel profilo Guidone- un tenore in cabriolet. Alcuni eventi sono programmati altri verranno improvvisati nelle piazze sempre in base delle norme di sicurezza da tenere in considerazione”.

“Vogliamo evidenziare il bisogno che la gente ha della nostra arte e del bisogno che abbiamo noi del pubblico per poterci esibire e lavorare. Questi mesi di blocco hanno fatto venire meno la possibilità di lavorare agli artisti dai meno ai più conosciuti e il settore dello spettacolo è stato in generale poco considerato.
La prima tappa dovrebbe essere a Torre del Lago ma è tutto in work in progress sempre per le questioni legate al Covid”.

“Una volta presentato il progetto gli amministratori comunali si sono mostrati molto entusiasti e hanno colto l’occasione per ribadire il loro impegno per la cultura e per l’arte, facendosi carico praticamente di quasi tutta la totalità dei costi di viaggio. Al termine del tour ci sarà un concerto a Monterosso, la data è ancora da definire anche perché sto aspettando che mia moglie, anche lei soprano, arrivi dal Giappone insieme alle bambine per poterlo fare insieme”, ha concluso.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Luca Vaccaro - Questa mattina sono stati illustrati i dati relativi all’attività svolta dal Corpo lo scorso anno. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il Sottosegretario Pucciarelli: "Saprà confermare la sua indiscussa professionalità". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa