"La luna e il cielo nel planetario di Archimede" al Portus Lunae Art Festival In evidenza

Il 21 settembre; lo spettacolo è preceduto alle ore 17 dalla visita guidata al sito archeologico

Domenica, 15 Settembre 2019 10:26

La quarta edizione del “Portus Lunae Art Festival”, prodotto da Teatro Pubblico Ligure e STAR – Sistema Teatri Antichi Romani con la direzione artistica di Sergio Maifredi e dedicato quest’anno alla Luna, prosegue sabato 21 settembre con La luna e il cielo nel planetario di Archimede di cui è protagonista Antonella Prenner. Al centro c’è sempre la Luna, con le interpretazioni che ne hanno dato nel mondo antico. Lo splendore del mondo antico incomincia sul mare, dal contatto tra popoli. Quasi tremila anni fa, dalle sponde del Mediterraneo orientale, gruppi di coloni navigarono fino alle coste dell’Italia. Lasciavano la loro patria, affrontavano l’ignoto in cerca di miglior fortuna. Fondarono città, impiantarono coltivazioni, costruirono templi, e portarono con sé un patrimonio intellettuale che fu la prima scintilla della grandezza. Per secoli dal mondo greco arrivò l’arte, la letteratura, la filosofia, la curiosità per i misteri della natura e dell’essere umano, e lo sguardo si volse anche al cielo, a indagare le notti di luna e di stelle, a comprendere lo spazio infinito in cui si muove la vita. Un viaggio tra gli astri sorprendente, l’intelletto degli antichi così potente da spingersi dove gli occhi non arrivano in una meravigliosa esplorazione l’universo.

Prenner, scrittrice, latinista, professore associato di Lingua e Letteratura Latina all’Università Federico II di Napoli, è autrice di molte pubblicazioni, tra cui il recente Tenebre (SEM Edizioni), in cui descrive Cicerone nella sua dimensione più intima e familiare, personaggio da conoscere in tutta la sua più profonda verità.
Con il 2019, la quarta edizione del “Portus Lunae Art Festival” celebra la città della Luna nel cinquantesimo anniversario dell’allunaggio e nel centenario della morte di Ceccardo Roccatagliata Ceccardi, originario di Ortonovo e cantore per eccellenza del satellite che ha ispirato tante sue poesie. Il festival, ideato e diretto da Sergio Maifredi, si svolge a Luni - Ortonovo, in provincia della Spezia, si estende da luglio a settembre e rinnova la vocazione a proporre parole antiche per stimolare pensieri nuovi. Prodotto da Teatro Pubblico Ligure e STAR – Sistema Teatri Antichi Romani, è realizzato con il contributo di MiBAC –Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Museo Nazionale e Zona Archeologica di Luni, Comune di Luni – Assessorato alla Cultura, Regione Liguria – Assessorato alla Cultura.

Lo spettacolo è preceduto alle ore 17 dalla visita guidata al sito archeologico, condotta dall’archeologa Marcella Mancusi, direttore del Museo archeologico nazionale e area archeologica di Luni.

BIGLIETTERIA: Per gli spettacoli all’ingresso del sito archeologico, in via Luni 37 a Luni (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Biglietto adulti 10 euro. Biglietto residenti a Luni 5 euro. Biglietti agli spettacoli comprensivi dell’ingresso a Museo ed Area Archeologica. Si consiglia l’uso di calzature adeguate.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Alcuni cittadini lanciano una petizione. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Una denuncia per guida senza patente e un furto Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa