Tellaro ricorda Mario Soldati In evidenza

Martedì 6 agosto alle ore 21,30

Domenica, 04 Agosto 2019 14:01

Martedì 6 agosto alle ore 21,30 a Tellaro, nella piazzetta dell’ex oratorio, nella rassegna di “Libi ‘n Selàa”. La Mutuo Soccorso di Tellaro, in collaborazione con il Centro Pannunzio di Torino, dedicherà una serata a Mario Soldati a vent’anni dalla scopmparsa.

A tenere la conferenza e presentare il suo libro "Mario SOldati la gioia di vivere", sarà il prof. Pier Franco Quaglieni, amico personale del grande maestro e cofondatore con lui e Arrigo Olivetti del Centro Pannunzio, di cui Soldati fu presidente per molti anni.

Il libro è ricco di autorevoli testimonianze che aiutano il lettore a conoscere la poliedrica figura del Maestro. Mario Soldati è stato un intellettuale capace, come nessun altro, di spaziare con grande successo in molti campi della cultura, dalla letteratura, nel cinema, fu sceneggiatore e regista, perfino attore. E’ stato giornalista e nella televisione italiana che nasceva ha contribuito come autore di sceneggiati e conduttore di importanti trasmissioni, è stato ricercatore e inventore di una nuova televisione che portava i telespettatori alla scoperta della cultura del cibo e della tradizione agroalimentare italiana

Non si può dimenticare il Soldati ambientalista che, nel nostro golfo, portò avanti con grande determinazione importanti battaglie ambientaliste, si schierò fin da subito contro la realizzazione del porto petrolifico o per il restauro della chiesa di San Pietro a Portovenere e la sua ultima battaglia a favore del rafforzamento della falesia di Tellaro.

Innamorato della bellezza suprema di questa terra, raccontava di averla scoperto attraverso il racconto di un amico inglese che gli parlava di manoscritti lasciati dal grande romanziere inglese D.H.Lawrence, in una vecchia cassapanca, dentro un mulino a vento, sulla collina fra gli ulivi. Nell’estate del 1959, insieme alla moglie Jucci e ai tre figli, arrivarono a Lerici dove affitarono una piccola imbarcazione a remi, per raggiungere la baia di Fiascherino. Soldati rimase talmente affascinato da quei luoghi che, l’estate successiva affittò una villa nella piccola baia, sopra la spiaggia, proprio di fronte alla scogliera che, fra i pini e i lecci, nascondeva quella che di li a poco, sarebbe diventata la sua casa per più di trent’anni dove scrisse numerose delle sue opere.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Peracchini e Giacomelli commentano la decisione dell’Università di Genova di sospendere sul nostro territorio il corso di laurea in fisioterapia Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Due operazioni della Polizia di Stato nel giro di poche ore. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa