Federico Rampini a Tellaro In evidenza

Con le sue due opere più recenti.

Mercoledì, 24 Luglio 2019 14:59
Libi ‘n Selàa 2019, la rassegna organizzata dalla Società di Mutuo Soccorso di Tellaro, ospita il 28 luglio alle 21,30, Federico Rampini.
Dopo il successo di Le linee rosse, presentato lo scorso anno nel borgo, in cui ha guidato i lettori alla decifrazione del mondo attuale, lo scrittore e giornalista torna nella bellissima piazzetta antistante l’ex oratorio, con i suoi ultimi due libri.

QUANDO INIZIA LA NOSTRA STORIA Le grandi svolte del passato che hanno disegnato il mondo in cui viviamo. L’autore,giocando con alcune date-chiave per fare luce sui sorprendenti legami tra eventi epocali del passato e il nostro presente.
Il libro contiene un breve racconto sul suo soggiorno a Tellaro nel 2018.

LA NOTTE DELLA SINISTRA Da dove ripartire. In un anno denso di sfide politico-elettorali, un pamphlet sul passato, presente e futuro della sinistra italiana.

FEDERICO RAMPINI, corrispondente della «Repubblica» da New York, ha esordito come giornalista nel 1979 scrivendo per «Rinascita». Già vicedirettore del «Sole 24 Ore» e capo della redazione milanese della «Repubblica», editorialista, inviato e corrispondente a Parigi, Bruxelles, San Francisco, Pechino, ha insegnato alle università di Berkeley, Shanghai, e alla Sda-Bocconi. È membro del Council on Foreign Relations, think tank americano di relazioni internazionali. Da Mondadori ha pubblicato, tra gli altri: Il secolo cinese (2005), L’impero di Cindia (2007), L’ombra di Mao (2007), La speranza indiana (2008), L’Età del Caos (2015), Il tradimento (2016), Le linee rosse (2017). Ha prodotto e interpretato quattro spettacoli teatrali, da ultimo Trump Blues con suo figlio Jacopo. Ha realizzato un ciclo televisivo a puntate per Rai Storia, Geostorie

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il commento della deputata, esponente di Cambiamo! Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Ecco le ragioni per cui dice sì al progetto dell'architetto Perfigli. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa