“Mutevoli apparenze” a Monterosso In evidenza

La mostra è visitabile sino al 28 luglio.

Venerdì, 19 Luglio 2019 17:49
“Mutevoli apparenze” è il titolo della mostra fotografica che fino al 28 luglio è visitabile presso il Palazzo del Comune di Monterosso.
L’evento è dedicato alle sculture informali che l’artista Erminio Tansini realizza da vari anni impiegando legno proveniente soprattutto dalla Riviera spezzina e dalla Valtaro.

La pareidolia è uno dei temi dominanti delle statue tansiniane.
Grazie ad accurate composizioni di intrecci, masse e chiaroscuri queste opere fanno intravedere profili apparentemente riconoscibili: sagome che appaiono, scompaiono e riappaiono, sempre mutevoli secondo la sensibilità e il punto di vista dell’osservatore.

Un altro motivo di fondo è quello della rigenerazione.
Tansini recupera il legno per le proprie sculture fra ceppi, rami, tronchi e radici rinvenute sulle spiagge e sui greti dei torrenti. Materiale a prima vista inutilizzabile, che però l’autore riesce a rigenerare, conservando la sua caratteristica naturalità e donandogli una sorta di nuova vita artistica.

La rigenerazione riguarda anche i luoghi dove sono state scattate le fotografie esposte a Monterosso.
Queste immagini sono state riprese sui sets della serie itinerante «Forme sfuggenti». Iniziata nel 2018, sta svolgendosi in Italia, Svizzera e Francia. Ha toccato anche la Lunigiana e la Riviera spezzina: Vernazza, Massa, Filattiera, Porto Venere, Levanto, La Spezia, Monterosso e Pontremoli.
Diretta dal figlio dell’artista stesso, Davide (che è anche il curatore della mostra monterossina), la rassegna scenarizza le statue tansiniane in posti come castelli, scogliere, siti archeologici, paesaggi rupestri, corsi e specchi d’acqua, radure boschive.
Sono luoghi suggestivi ma spesso distanti dai centri abitati, comunque poco adatti per eventi culturali di tipo tradizionale. «Forme sfuggenti» riesce a recuperarli allo spazio artistico tramite gli allestimenti fotografici.
L’obiettivo della fotocamera coglie e fissa un’ulteriore rigenerazione. Giochi di sovrapposizioni, luci e prospettive fanno sì che le statue collocate sui sets interagiscano visivamente con la natura e le architetture circostanti fino alla trasfigurazione: si creano scene oniriche, surreali e fantastiche che forniscono una diversa percezione degli spazi.

La mostra “Mutevoli apparenze” è visitabile tutti i giorni dalle ore 18:00 alle 23:00. L’ingresso è libero.

Info:
telefono 349 2203693,
sito web

 

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

La casa circondariale e la Polizia di Stato collaborano attivamente per allontanare dalla provincia chi deve essere espulso dal territorio nazionale. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

La "Lunezia geografica"

Mercoledì, 21 Agosto 2019 09:09 cultura-lunigiana
Sembra una “sfida” la proposta di Mangia Trekking che delinea una bellissima area geografica Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa