Lerici, l'Associazione Culturale Futuro e Radici preoccupata per le scuole In evidenza

Secondo l'Associazione il nido dovrebbe essere collocato nell'ex scuola di Pozzuolo.

Lunedì, 17 Giugno 2019 11:17

Premesso che i bimbi non sono pacchi e che le decisioni su eventuali spostamenti degli edifici scolastici dovrebbero essere prese coinvolgendo le famiglie interessate, vorremmo esprimere il nostro punto di vista.

I progetti educativi e pedagogici alla base di asili nido e scuole dell’infanzia non possono prescindere dalla qualità e bellezza degli spazi, interni ed esterni, che si mettono a disposizione, visto che a quelle età, la priorità è quella della socializzazione, dei giochi collettivi e dell’esplorazione degli spazi.

Come già ribadito più volte riteniamo che la collocazione più idonea per il Nido sia l’ex scuola di Pozzuolo, sulla quale, tempo addietro, si era già predisposto un progetto in tal senso, che è dotata di spazi esterni idonei, è in una posizione strategica che andrebbe a servizio anche di territori limitrofi, ha un’area aggiunta pensata in previsione, potrebbe ospitare anche la Sezione Primavera che è attualmente totalmente inadeguata.

Ovviamente le Associazioni attualmente presenti nella struttura vanno collocate altrove, ma le alternative ci sono.

La Scuola dell’Infanzia deve rimanere all’Augenti, anche perché si è in presenza di un lascito vincolato il cui utilizzo possibile è solo quello educativo, non può essere venduta nè utilizzata con altra destinazione pena la restituzione agli eredi. Vanno necessariamente pensati adeguamenti ma la collocazione resta invidiabile.

Non vorremmo che ci si ritrovasse con l’ennesimo patrimonio collettivo lasciato andare in malora, visti i precedenti della Cochrane a Pugliola.

Sappiamo molto bene i rischi che corre il nostro Istituto Comprensivo di conseguenza se non si diventa appetibili anche a livello strutturale per le zone limitrofe, il rischio di dimensionamento dell’Istituto è alto. Non avere più un dirigente scolastico direttamente sul territorio sarebbe una grave perdita organizzativa e didattica. È meglio pensarci e programmare con oculatezza il futuro scolastico del nostro paese

Su ogni trasformazione, ma in particolare su un settore così delicato e sensibile, non si può prescindere dalla condivisione con l’Istituto Comprensivo e con le famiglie.

 

Associazione Culturale Futuro e Radici

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Stabili le terapie intensive, 1871 i positivi residenti nello spezzino. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
I fenomeni più intensi sono attesi, a tutte le quote, sui versanti padani di Ponente, a bassa quota su quelli di Levante e oltre i 300-400 metri nell’interno del settore… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa