Non Una di Meno La Spezia porta il "Consultorio in Piazza" In evidenza

Per il 41° anniversario della legge 194.

Martedì, 21 Maggio 2019 12:07

Nella giornata di mercoledì 22 maggio, in occasione del 41° anniversario della legge 194, la quale ha decretato la decriminalizzazione dell'aborto e ne disciplina le modalità di accesso, Non Una di Meno La Spezia scenderà in piazza per ribadire la necessità di difendere la libertà di scelta e di autodeterminazione.

"Dopo l'organizzazione del "Lotto Marzo" sciopero femminista globale alla Spezia ed essere andate a Verona in occasione del meraviglioso corteo organizzato dalla rete nazionale di tutti i nodi locali di Non Una di Meno contro il World Congress of Families - spiegano - riportiamo in città le nostre rivendicazioni contro un oscurantismo medievale che ci vorrebbe tutte ancelle!"

 

Mercoledì 22 maggio, dalle ore 17:30 in Piazza Brin, il "Consultorio in Piazza": un viaggio all'interno della 194, per scoprire come è nata questa legge, come viene applicata e quali sono le criticità che oggi presenta a 41 anni dalla sua emanazione, grazie all'intervento di professionisti del settore della ginecologia, dei consultori, della psicologia e della formazione.
Presente in piazza anche il Laboratorio sui Generis (letture e laboratorio contro gli stereotipi di genere) a cura di Non Una di Meno La Spezia e aperto a tutti i bambini della piazza, dai 3 ai 10 anni.

Questa la rivenicazione:
"Sui nostri corpi, decidiamo noi!
Scenderemo in piazza perché sappiamo che la nostra autodeterminazione è un campo di battaglia e non una questione di coscienza individuale. Saremo in piazza per rompere l’isolamento a cui siamo costrette quando affrontiamo l’aborto o quando scegliamo la maternità.
Lottiamo contro la subordinazione e la violenza e per questo vogliamo welfare per la nostra autodeterminazione, una sanità pubblica laica e a nostra misura, consultori liberi e organizzati per tutte le donne.
Vogliamo la contraccezione gratuita e un'educazione sessuale all'altezza dei nostri desideri!
Vogliamo l’accesso gratuito all'assistenza sanitaria per l’ivg, la gravidanza e il parto indipendentemente dalla cittadinanza e dai documenti.
Vogliamo gli obiettori e le associazioni ProLife fuori dalle strutture sanitarie pubbliche e dalle farmacie.
Vogliamo l’eliminazione delle sanzioni amministrative per le donne che ricorrono all'aborto fuori dai termini di legge.
Vogliamo condividere saperi e desideri".

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"Ho ricevuto numerose segnalazioni; presenterò un’interpellanza in Provincia per capire e conoscere i responsabili di tali disservizi". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
"Il risultato del tanto annunciato piano delle spiagge é da qualche giorno evidente a tutti". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa