Stampa questa pagina

La richiesta di Arci e la Sinistra: "Si vieti l'attracco alla nave delle armi" In evidenza

Sarebbero impiegate nel conflitto in Yemen.

Lunedì, 20 Maggio 2019 14:06

 

"Alla nave saudita Bahri Yanhu, che vuole imbarcare armi destinate all'Arabia Saudita e da impiegare nel conflitto in atto nello Yemen in particolare, va vietato l’attracco, così come previsto dai trattati internazionali sottoscritti dal nostro Paese in tema di diritti umani e contro i conflitti armati - chiede Arci La Spezia - I porti devono essere chiusi alle armi, non a chi tenta di salvare la propria vita. L'attracco alla nave deve essere vietato come già accaduto in Francia a Le Havre e come avrebbe dovuto succedere a Genova. In nessun caso deve essere consentito l'imbarco di armi o di materiale a vocazione "duale". I nostri porti non possono essere usati per alimentare guerre".

"Chiediamo inoltre all'Ammiraglio di Divisione Comandante del Comando marittimo Nord di smentire la voce ricorrente che vuole che le armi saranno caricate dentro l'arsenale militare", conclude Arci La Spezia.


La Sinistra La Spezia sottolinea: "A Genova i portuali hanno impedito il carico d'armamenti alla Nave Saudita in ottemperanza al trattato internazionale sul commercio d'armi. Armi che i sauditi utilizzerebbero nella guerra in Yemen... La stessa cosa è stata fatta dai portuali francesi di Le Havre. Ora quel carico d'armi potrebbe arrivare a Spezia.
Chiediamo a portuali spezzini e di unirsi ai loro colleghi genovesi ed impedire che quelle armi vadano ad implementare il massacro di civili che da anni viene perpetrato dalla Arabia Saudita in Yemen".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Francesco Falli - Tutte le emozioni della prima partita della storia in serie A Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Per riconoscere più velocemente e con sicurezza la malattia e dimostrare che si tratta di vera patologia. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa