Case in affitto solo per i turisti, e chi vorrebbe vivere in Riviera? In evidenza

L'allarme del Comitato prima casa Levanto: "Prezzi alle stelle e le case popolari non si costruiscono da decenni".

Martedì, 14 Maggio 2019 10:24

Siccome l'emergenza prima casa per i residenti è un problema che oramai interessa tutta la riviera vorremmo chiedere a tutti i candidati sindaci dei comuni di Deiva Marina, Framura, Bonassola, Monterosso al Mare e Vernazza cosa intendono fare per fermare l'emorragia di residenti. Trovare una prima casa da affittare ormai è impossibile tutti gli immobili orami sono destinati ad uso turistico.

 

A Levanto in particolare l'emergenza abitativa ormai è arrivata ad un livello drammatico: a pagarne le peggiori conseguenze sono quei cittadini levantesi appartenenti alle fasce sociali più deboli non sono più in grado di accedere ad un alloggio come prima casa in affitto per residenti. A Levanto più di un centinaio di nuclei famigliari, molti dei quali colpiti da sfratti esecutivi per finita locazione, non riesce a trovare un alloggio in affitto, i pochi immobili disponibili per i residenti sono messi sul mercato a prezzi improponibili per le entrate di persone in difficoltà economiche che ormai è la stessa fascia media delle famiglie. Ci sono persone che vivono in cantine e magazzini riadattati in alloggi di fortuna da anni, molti sono costretti a lasciare Levanto che infatti anno dopo anno sta perdendo abitanti come le Cinque Terre.

A Levanto sono quasi 50 anni che non si costruisce una casa popolare, il tutto nel silenzio più totale della classe politica locale.

Si può senz’altro affermare che nel comune rivierasco il mercato degli affitti per la prima casa non esiste più da anni. A Levanto ci sono più di mille appartamenti che rimango vuoti per quasi tutto l’anno che vengono resi disponibili dai proprietari solo per affitti estivi o festivi a soli fini turistici. Lo si è visto bene nelle ultime vacanze pasquali. E ormai chiaro che l'effetto più devastante del tanto sbandierato sviluppo turistico sia stato quello di aver completamente distrutto il mercato immobiliare per i residenti, compreso quello delle compravendite.

A Levanto centro si vendono appartamenti anche a più di 8 mila euro al metro quadro, prezzi da capogiro per case, tra l’altro, non all’altezza della cifra richiesta, per rendersene conto basta andare sui portali specializzati e fare dei confronti.

A Levanto servirebbe subito la costruzione di almeno una cinquantina di nuovi alloggi popolari per dare una casa alle altrettante famiglie in lista di attesa da anni nelle apposite graduatorie, oltre che rimettere a posto quelli che abbisognano di manutenzione, inoltre servirebbe anche dividere in due appartamenti popolari enormi attualmente abitati oggi da persone singole.

Le Istituzioni preposte, in primis il Comune di Levanto e la Regione Liguria, sono anni che non stanno affrontando la situazione prima casa a Levanto in particolare l’intera classe politica Levantese che evidentemente problemi di alloggio non ha. Tra l’altro da anni Levanto sta aspettando di essere inserito nell’elenco dei comuni ad alta tensione abitativa. Inclusione che lo porterebbe, tra l‘altro, ad usufruire di canali extra per la costruzione di nuovi alloggi popolari e la ristrutturazione di quelli esistenti. Anche qui denunciamo l’inerzia dei politici. A Levanto una vera politica per la prima casa per i cittadini sembra essere assente da lustri e il prossimo anno si voterà anche qui.

Stiamo cercando di organizzare una assemblea pubblica sul tema.
Per informazioni e adesioni consultate la pagina facebook https://www.facebook.com/Comitatoprimacasalevanto/


Comitato prima casa Levanto

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Dal mare al Monastero

Martedì, 24 Novembre 2020 10:35 cronaca
Nel tempo di Coronavirus l’Alpinismo Lento invita a salire e conoscere i luoghi Religiosi Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
La riflessione di Maria Cristina Failla, Presidente della Consulta Provinciale Femminile della Spezia Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa