A Pugliola l'ultimo saluto a Bianca, "piccola, grande stella" In evidenza

 di Luca Manfredini - La comunità lericina, e non solo, si è unita al dolore dei familiari nell'ultimo saluto in chiesa.

Venerdì, 03 Maggio 2019 16:33

 

Ancora lacrime, incredulità e tristezza infinita per quella assurda tragedia che ha spezzato la giovanissima vita di Bianca. La chiesa del borgo di Pugliola non è riuscita a contenere i tanti giunti per una preghiera e per volgere ancora uno sguardo al campo giochi che ha tradito la piccola e vanificato l'ultimo tentativo di difesa del nonno. Anche il cielo si è coperto e tinto di scuro per unirsi alla mesta cerimonia e dalle nuvole cupe la pioggia è scesa come tante lacrime.

A Pugliola sono arrivate tantissime persone, da tutta la provincia, e la necessaria chiusura del borgo al traffico ha congestionato tutte le zone limitrofe.

All'ingresso della chiesa due carabinieri hanno gestito l'afflusso di persone, adempiendo alla richiesta dei genitori di un "dolore ristretto" principalmente alla comunità.

La voce e le parole di don Federico tradivano l'emozione. La bimba è stata sempre chiamata "una piccola, grande stella".

 

LA TRAGEDIA
Sabato 27 aprile è il giorno che ha segnato per sempre la famiglia di Bianca e la comunità tutta: un pomeriggio come tanti, in un parco conosciuto, familiare, sicuro, dove una bimba "può" giocare con la spensieratezza e la fantasia che le compete.
Il "può", purtroppo, si è trasformato in "potrebbe" ed il massiccio cancello scorrevole, posto a protezione dell'area, in una minaccia inaspettata.
Il tranquillo pomeriggio di giochi si è trasformato in una tragedia che ha scioccato tutta la Provincia, ed a nulla sono serviti i soccorsi prontamente intervenuti, neanche l'elicottero chiamato immediatamente.
Il parco giochi intitolato a Domenico Medusei sarà guardato con occhi diversi d'ora in poi, gli stessi occhi che lo hanno visitato in questi giorni nel costante pellegrinaggio silenzioso dei tanti andati per portare un fiore e, soprattutto, per cercare di capire.

Come risaputo il cancello è uscito dalle guide e caduto sulla bimba e non saranno gli accertamenti tecnici in corso a restituirla a mamma Nora e papà Michele.
Ma è importante capire, al di là della dovuta prassi giudiziaria, per evitare in futuro accadimenti del genere.

L'intera area giochi era stata ristrutturata di recente e anche la sicurezza era stata controllata: revisionata la cancellata scorrevole e tagliati due pini ritenuti a rischio.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Primo tempo del turno di Coppa Italia dominato dallo Spezia, che però non riesce a sbloccare il risultato. Il gol arriva a inizio secondo tempo grazie a una splendida giocata… Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Approvato il progetto definitivo dei lavori per partecipare al bando ministeriale e ottenere i contributi statali. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa