Giornata del Mare, il velista Rossato: “Il Mediterraneo è in condizioni pietose” (foto) In evidenza

di Francesco Truscia – Il velista che ha compiuto il giro d’Italia in solitaria lancia l’allarme.

Giovedì, 11 Aprile 2019 16:32

Al via questa mattina la Giornata del Mare 2019 alla Spezia presso la stazione crocieristica, la manifestazione nata dalle novità introdotte dal Codice della Nautica da Diporto dal decreto legislativo 3 novembre 2017, organizzata dalla Capitaneria di porto, Lega Navale Italiana e Ufficio scolastico provinciale.

Lungo la Passeggiata Morin sono stati allestiti ben 16 laboratori con le eccellenze della Marina Militare quali i Palombari del Comsubin e gli operatori specialisti del CSSN a disposizione dei visitatori, soprattutto studenti.

Un modo per riavvicinare le giovani generazioni al mare visto come risorsa economica ma anche come bene da tutelare.

Dopo i saluti degli organizzatori con il comandante della Capitaneria di Porto Massimo Seno, il dirigente dell’Ufficio scolastico ambito territoriale della Spezia Roberto Peccenini e il vice presidente della Lega Navale Franco Cozzani, presso la stazione crocieristica si sono tenuti alcuni incontri tra cui quello con il velista disabile Marco Rossato, il primo velista paraplegico a circumnavigare l’Italia assieme al suo fido cagnolino Muttley.

Marco è anche cofondatore e vice Presidente dei Timonieri Sbandati (associazione il cui obiettivo principe è quello di rendere accessibile a tutti la vela e il mare).

“Il tema ambientale è molto importante e sto cercando di portarlo nelle scuole da molti mesi, visitando anche ospedali pediatrici e oncologici – ha dichiarato il velista Marco Rossato – Il Mediterraneo è in condizioni pietose, basti pensare che non ho mai fatto 2 miglia lungo il percorso italiano senza mai trovare un pezzo di plastica galleggiare, e ciò che galleggia è solo il 15-20% di ciò che si è depositato nei fondali. Il problema è come utilizziamo la plastica e come la ricicliamo”.

L’idea del giro d’Italia nasce da un sogno del cassetto di Marco del lontano 1998 quando ebbe la fortuna di fare il suo “battesimo” in mare nell’Atlantico a largo delle coste cubane, da allora ha sempre custodito il suo sogno, ovvero fare una traversata atlantica in solitaria.

Marco Rossato, classe 1974, velista dal 1998 e istruttore di vela dal 2005, conta nel suo “bagaglio” ben 22800 miglia percorse: “Il mare è tanto bello ma anche tanto pericoloso, bisogna averne profondo rispetto a 360°. In Italia c’è una legge che ci limita ad uscire in barca da soli, facciamo gli stessi esami di un normodotato ma ci viene prescritto il limite di avere un normodotato a bordo obbligatoriamente. E’ una mia battaglia personale che porto avanti da 20 anni, spero che con l’esempio e con la dimostrazione di quello che ho fatto che possa cambiare qualcosa”.

Il velista Marco Rossato in realtà non si definisce un uomo di mare, piuttosto un montanaro: “Ho trovato tantissima affinità tra il bosco e il mare aperto. Vorrei regalare agli altri le emozioni che la vela ha regalato a me”.


In allegato il comunicato della Capitaneria di Porto della Spezia.

Download allegati:
Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Gara 3 della finale play-off va agli universitari, ora la serie è sul 2-1 per gli spezzini. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
"Continuerò a rappresentare l'Italia e tutti i cittadini europei" Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa