Operazione "Big Bazar": nel porto della Spezia sequestrati 7 container pieni di prodotti contraffatti In evidenza

Marchi prestigiosi accuratamente falsificati. Valore complessivo superiore a 1 milione di euro.

Giovedì, 04 Aprile 2019 10:33

 

Oltre 230.000 articoli contraffatti sequestrati, pronti ad essere immessi nel mercato clandestino del falso: questo è il bilancio di una vasta operazione di contrasto alla contraffazione internazionale e a tutela del “Made in Italy” portata a termine dai militari del Gruppo della Guardia di Finanza della Spezia, congiuntamente ai funzionari dell’Ufficio Antifrode della Agenzia delle Dogane, presso il locale porto mercantile.

L’importante risultato è il frutto dell’analisi, monitoraggio e controllo, dei containers provenienti e/o in transito dal Medio Oriente. In particolare, negli ultimi mesi, l’attenzione delle Fiamme Gialle si è incentrata su alcune aziende produttrici e speditrici di capi di abbigliamento e profumi che, già in passato, sono risultate coinvolte in analoghi traffici illeciti.

All’esito delle procedure di controllo, in 4 differenti momenti, sono stati bloccati 7 containers, provenienti da Siria e Turchia, carichi di 135.000 capi di abbigliamento, anche per bambini, 30.000 calzature e 65.000 profumi, contraffatti e/o riproducenti il falso “Made in Italy” per un valore complessivo di oltre 1 milione di euro.

I Finanzieri ed i funzionari dell’Agenzia delle Dogane hanno proceduto ad ispezionare accuratamente il contenuto dei containers fermati e - nonostante i perfetti imballaggi, privi di qualsivoglia indicazione e/o marchio e i documenti di trasporto formalmente in regola - hanno rinvenuto copie perfette di diversi prodotti di abbigliamento di note case di moda, quali Adidas, Nike, Gucci, Ralph Lauren, Tommy Hilfiger, Ferrari, Diesel, Lacoste, Apple, Walt Disney, nonché migliaia profumi a marchio Paco Rabanne, Chanel e Christian Dior.

I “falsari”, con stabilimenti di produzione nella regione cinese dello Zhejiang, utilizzano sofisticati macchinari in grado di riprodurre nella fase di confezionamento dei tessuti i rinomati loghi ed assicurare che il prodotto sia assimilabile a quelli che escono dalle linee di produzioni originali.

contraffazione2

Sono tutt’ora in corso, anche grazie al supporto degli organi di Polizia esteri, gli accertamenti utili ad individuare i reali destinatari della merce, nonché i promotori dell’imponente illecita distribuzione.

L’operazione “Big Bazar” si inserisce in un più ampio dispositivo operativo a contrasto della contraffazione marchi, disposto dal Comando Provinciale di Spezia, con il preciso intento di rafforzare la lotta al mercato del falso, i cui prodotti recano danni alla salute, inquinano l’economia legale e deturpano l’immagine del “Made in Italy”.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il gruppo bikers Owls Rebel Italia sarà presente al motoraduno previsto per il 6 ottobre. In 50 partiranno dalla Liguria. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Una gara di beneficenza per l'ospedale pediatrico. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa