“Salviamo le sule di Porto Venere”, via alla raccolta firme In evidenza

Il blogger indipendente Daniele Brunetti lancia la petizione: “Il nuovo piano del demanio sarà la fine del luogo di nidificazione. Non si può cementificare”.

Sabato, 23 Febbraio 2019 08:45

Una raccolta firme per proteggere l’ambiente che per molto tempo ha accolto le sule, a bordo di una barchetta, a Porto Venere, durante il loro periodo di nidificazione.

La petizione è stata lanciata ieri su Change.org dal blogger Daniele Brunetti, che cura il sito Partigianocivico.it.

Nel mirino di Brunetti, che si occupa in maniera indipendente e dettagliata delle vicende del borgo, è finito il nuovo piano del demanio marittimo approvato dal Comune di Porto Venere, al quale la Regione deve ancora concedere il nulla osta.

Ecco perché la raccolta firme, oltre che al ministro dell'Ambiente Sergio Costa e al sindaco Matteo Cozzani, è indirizzata anche al presidente della Regione Giovanni Toti e agli architetti Pier Paolo Tomiolo e Corinna Artom, rispettivamente responsabili dell'urbanistica e del demanio marittimo regionale.

“Questo piano prevede uno spostamento di una serie di pontili per le barche da diporto – scrive Brunetti all’interno della petizione – con la creazione di una banchina di accesso al posto della spiaggetta abbandonata (davanti a cui nidificavano le sule, ndr). Conseguenza inevitabile sarà l’aumento della cementificazione costiera e la fine definitiva per il luogo di nidificazione delle sule”.

Ecco perché, secondo Brunetti, “il Comune di Portovenere ha deciso la morte definitiva di una spiaggetta e, con essa, l’unico luogo in Italia di nidificazione e nascita delle sule bassane (Morus bassanus), magnifici uccelli marini, rari in Italia”.

Proprio ieri, riporta ancora Brunetti, una delle sule sarebbe tornata nell’ormai tradizionale luogo di nidificazione.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

I due esponenti di Italia Viva affermano che le proposte del territorio non sono state ascoltate. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa