Centro Allende, il progetto del Comune: project financing e mini-estate spezzina In evidenza

di Gabriele Cocchi – Nuovi particolari sull’operazione Dialma bis. Una società privata potrebbe restaurare la struttura e organizzarci eventi estivi.

Lunedì, 18 Febbraio 2019 22:05

Dal Comune filtrano nuovi particolari sul futuro del centro Allende, che l’amministrazione ha deciso di trasferire dai servizi culturali al settore del patrimonio.

È “un’operazione-Dialma bis” quella portata avanti da palazzo civico: come già il centro culturale di Fossitermi, anche la struttura dei giardini pubblici andrà incontro a un percorso di rinnovamento, che trova fondamento nell’obiettivo dell’amministrazione Peracchini di mettere a reddito i beni comunali.

Due le ragioni di fondo: i costi di manutenzione e gestione della struttura a carico del Comune e l’insufficienza di personale che possa occuparsi del centro. Lanciando un avviso pubblico per manifestazioni d’interesse, il Comune potrà così trovare un soggetto esterno che gestisca in autonomia la struttura, azzerando l’impegno economico per le casse comunali.

Non si tratterà però di una spesa banale, per il soggetto che si farà avanti: l’immobile, infatti, è fatiscente in più punti e ha bisogno di un completo restyling, sia all’interno che all’esterno.

L’ipotesi in campo è quella del project financing: una società privata potrebbe presentare un progetto assicurando al Comune un determinato investimento economico (nulla vieta, ad esempio, che nella struttura venga realizzato un ristorante).

Ciò consentirebbe agli investitori anche di evitare il pagamento di un canone al Comune per l’affidamento della struttura, come accadrà invece per il Dialma Ruggiero.

In cambio, palazzo civico avrebbe l’assicurazione da parte del soggetto esterno di poter utilizzare gratuitamente il centro Allende per un certo numero di giorni all’anno, per l’organizzazione di eventi, iniziative di interesse culturale, ecc.

A convincere il Comune della bontà dell’operazione sarebbero stati numerosi incontri, nei mesi scorsi, con realtà interessate a scendere in campo per il futuro della struttura.

In cantiere, se l’operazione andrà in porto, c’è anche l’idea di far correre in parallelo la gestione del centro Allende e il programma dell’estate spezzina: il gestore esterno potrebbe organizzare autonomamente eventi distribuiti nel corso dei mesi estivi, che così potranno essere inseriti all’interno del più ampio cartellone stabilito dal Comune.

Se ne parlerà con ogni probabilità il prossimo anno, visto che i tempi perché l’operazione vada in porto entro l’estate 2019 sono già stretti.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Da mesi si parla della Guardia medica spezzina e dei prossimi tagli al personale. Sembrerebbero, infatti, a rischio i rinnovi contrattuali per gli autisti del servizio. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
"Siamo felici se anche il pungolo di qualche discussione abbia convinto anche i più reticenti". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa