Reparto Carabinieri Parco Nazionale Cinque Terre, quasi 1500 controlli nel 2018 In evidenza

Dall'abbandono dei rifiuti ai vincoli sull'edilizia, dalla tutela dei prodotti agroalimentari alle verifiche sui sentieri.

Venerdì, 01 Marzo 2019 16:17

 

Nel 2018 i Carabinieri del Reparto Parco Nazionale "Cinque Terre", cui è affidata la sorveglianza sul territorio dell'area naturale protetta, hanno effettuato 1454 interventi, controllato 457 persone, effettuato 8 sequestri penali, eseguito 34 deleghe dell'Autorità Giudiziaria, accertato 56 sanzioni amministrative per un ammontare di circa 34.000 euro. Le violazioni riguardano l'edilizia, l'antincendio boschivo, la gestione dei rifiuti, la tutela dei Siti di Interesse Comunitario, l'esercizio della professione di guida ambientale ed escursionistica, la tutela della fauna selvatica, i vincoli idrogeologico e paesaggistico, il regolamento forestale, il benessere degli animali, il regolamento di polizia veterinaria.

Nel 2018 i Carabinieri del Reparto Parco Nazionale "Cinque Terre" hanno vigilato sul rispetto delle norme di tutela ambientale, verificato la produzione del vino a DOP, garantito assistenza agli escursionisti, collaborato con l'Ente Parco per la realizzazione di interventi, studi e ricerche.

Controlli edilizi
Sono stati effettuati 157 controlli di cantieri e di elitrasporto di materiale edile: 6 gli immobili sequestrati, 33 le persone denunciate, 16 le comunicazioni di notizia di reato. E' stata sanzionata con 1.700 euro complessivi, l'installazione non autorizzata di cartelloni pubblicitari lungo la strada.

Antincendio boschivo
Sono stati svolti 134 servizi di prevenzione contro il fenomeno degli incendi boschivi: 6 le sanzioni contestate per l'uso irregolare del fuoco, 1 la comunicazione di notizia di reato per incendio non boschivo.

Gestione dei rifiuti
Sono state denunciate all'Autorità Giudiziaria due imprese per irregolarità nella gestione e nello smaltimento di rifiuti. Sono state contestate sanzioni per complessivi 12.000 euro circa, per abbandono illecito di rifiuti solidi urbani e scarico non autorizzato di acque reflue.

Controlli agroalimentari
A garanzia della produzione del vino a DOP "Cinque Terre" e "Cinque Terre Sciacchetrà" e per tutelare i consumatori dalle frodi agroalimentari, sono stati effettuati 43 controlli, condotte 29 ispezioni aziendali, emesse 5 diffide alternative alla contestazione di violazioni amministrative per un importo di 25.000 euro circa. Durante l'ispezione di un ristorante, condotta in collaborazione con il Nucleo Antisofisticazioni, sono stati sequestrati 100 kg di alimenti non idonei al consumo e riscontrate violazioni penali e amministrative, per un ammontare di circa 4.000 euro.

Assistenza e sicurezza degli escursionisti
Per aggiornare l'Ente Parco sulle condizioni di percorribilità dei sentieri, sono stati verificati 150 percorsi; l'occupazione abusiva della sede stradale di un sentiero comunale è stata sanzionata con 850 euro. A tutela della sicurezza dei visitatori in occasione degli Avvisi di Allerta Meteo, l'attività di servizio è stata dedicata alla prevenzione e al pronto intervento.
Nei periodi di maggiore afflusso turistico è stato intensificato il controllo dell'esercizio della professione di guida ambientale ed escursionistica: 11 le persone sanzionate, tra cui 3 società, per un importo complessivo di 7.800 euro.

Tutela della fauna selvatica, del benessere degli animali, controlli di polizia veterinaria
Durante la stagione venatoria sono stati controllati gli appostamenti di caccia limitrofi all'area protetta ed effettuati 21 servizi contro il bracconaggio, che hanno determinato 2 comunicazioni di notizia di reato ed il sequestro di un mezzo di cattura non consentito. Sono stati recuperati 3 esemplari di rapaci, diurni e notturni, consegnati in seguito al decesso al Museo di Storia Naturale di Genova. Sono stati eseguiti 18 controlli relativi agli allevamenti di animali da reddito, afferenti a 7 persone.

Regolamento forestale e vincolo per scopi idrogeologici
Per tutelare il patrimonio forestale sono state verificate le condizioni degli alberi monumentali presenti nel Parco nazionale e monitorate le infestazioni causate dalla cocciniglia del Pino marittimo, dal cinipide del castagno e dal punteruolo rosso.
Per salvaguardare il territorio dal dissesto, sono stati verificati la regolarità dei tagli boschivi ed il rispetto del vincolo per scopi idrogeologici: 14 le sanzioni di importo complessivo di 5.000 euro circa, dovute a violazione delle norme sul vincolo idrogeologico; 10 le sanzioni di importo complessivo di 2.175 euro, per violazioni inerenti le utilizzazioni boschive.

Norme di tutela del Parco Nazionale delle Cinque Terre e dei Siti di Interesse Comunitario
Sono state controllate tutte le attività consentite, previo rilascio del nulla-osta da parte dell'Ente Parco, tra cui il campeggio, la circolazione di mezzi fuoristrada. E' stata contestata una sanzione di 2.000 euro per interventi illeciti nel Sito di Interesse Comunitario.

Attività didattica e di collaborazione scientifica
I Carabinieri Forestali hanno accompagnato lungo i sentieri gli ospiti della struttura di assistenza psichiatrica "Stella Maris" e gli studenti dell'Istituto tecnico agrario Marsano. Hanno animato la campagna estiva di educazione ambientale #Io Sono Ambiente.
Hanno collaborato con l'Università degli Studi di Genova per il rilevamento pedologico del bacino idrografico del torrente Vernazzae per il monitoraggio dei siti riproduttivi degli Anfibi, contribuendo alla pubblicazione di studi scientifici. Hanno coordinato e svolto il CONtrollo degli ECOsistemi FORestali, individuando una specie di muschio nuova per la Liguria.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

"La cultura è ben più di un sacrificabile passatempo." Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il rifornimento di LNG su Costa Smeralda ha visto la collaborazione di Guardia Costiera, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale, autorità e operatori locali, Shell e Gruppo Costa. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa