Per la prima volta una spezzina all'International Theater Academy of Fita In evidenza

Il progetto è promosso dalla Federazione Italiana Teatro Amatori (Fita).

Martedì, 22 Gennaio 2019 09:28

Sono nove i selezionati per la sesta edizione di Itaf (International Theater Academy of Fita), il progetto di alta formazione per giovani iscritti promosso dalla Federazione Italiana Teatro Amatori (Fita), leader nel settore a livello nazionale con circa 25mila tesserati. Si tratta di: Elia Vignola, 28 anni, Gabriel Contardi, 17, e Maria Beatrice Papagni, 25, attivi in compagnie Fita dell’Emilia Romagna; Laura Boriassi, 20, dalla Liguria (compagnia "Quelli che il Teatro..." di Piana Battolla - La Spezia); Alessandra Minchillo, 23, e Matteo Ghisolfi, 20, dal Piemonte; Max Americo Lippolis, 20, dalla Puglia; Chiara Calandrino, 22, dalla Sicilia; Marco Faccin, 18, dal Veneto. Sono stati scelti attraverso un’audizione svoltasi il 14 gennaio scorso a Roma, sotto la guida di Daniele Franci, direttore artistico e regista di Itaf, e della direttrice Maria Grazia De Marco.

Il percorso Itaf si articolerà quest’anno in cinque settimane di residenza: le prime quattro si svolgeranno nella sede del Centro nazionale di formazione Fita di Reggio Emilia, dal 28 gennaio al 4 febbraio, dal 3 all’8 marzo, dal 31 marzo al 7 aprile e dal 17 al 24 giugno; l’ultima, prevista in ottobre, porterà gli “itafiani” a Utrecht, in Olanda, presso il Creative College, da anni partner attivo del progetto. Durante il percorso formativo nascerà lo spettacolo “The walls. I muri”.

“La qualità garantita sul piano formativo ed il respiro internazionale di questo progetto – commenta Carmelo Pace, presidente nazionale Fita – fanno di Itaf un esempio concreto dell’attenzione prioritaria e autentica che la nostra Federazione dedica ai giovani e al loro avvicinarsi al teatro. Da sempre e sempre di più, infatti, come Fita crediamo che i giovani siano non il futuro ma il presente, e che per questo si debbano dare loro da subito, qui e ora, occasioni reali di crescita, confronto ed esperienza. Con lo stesso spirito – continua Pace – stiamo conducendo in tutta Italia il grande progetto ‘Fondamenta – Una rete di giovani per il sociale’: un fitto calendario di workshop gratuiti a carattere regionale, rivolto a giovani dai 18 ai 30 anni che vogliano approfondire l’uso sociale del linguaggio teatrale, ma anche – conclude il presidente Fita – un importante strumento per attivare nel territorio sinergie in questo ambito, fra istituzioni, realtà artistiche, operatori sociali e mondo accademico, sempre con i giovani al centro”.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il sindaco Andrea De Ranieri risponde al presidente Pietro Tedeschi. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Le opposizioni si rivolgono al Prefetto: "Palese conflittualità istituzionale tra organi di governo e di rappresentanza elettiva". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa