"Venite, abbiamo del ferro": rom incastrati dalla Polizia locale In evidenza

Da una discarica a cielo aperto gli agenti di Santo Stefano sono risaliti un’altra volta ai responsabili.

Domenica, 06 Gennaio 2019 14:27

A seguito di una segnalazione da parte di un cittadino, in una zona molto nascosta nel territorio di Santo Stefano di Magra ed in particolare vicino al campo sportivo in località Ghiaia, gli agenti della Polizia locale di Santo Stefano, con a capo il Comandante Flavio Toracca, hanno rinvenuto parecchio materiale sia proveniente da lavorazioni edili sia elettrico.

Gli uomini del Comando si sono pertanto immediatamente attivati e, sotto le direttive del responsabile dei servizi esterni il Vice Comandante Michele Ottolini, dopo diversi accertamenti che li hanno portati anche fuori Regione, sono risaliti ai responsabili.

È infatti emerso che i dipendenti di una ditta di materiale elettrico della zona, “mossi da compassione”, davano ordinariamente del ferro ad alcuni soggetti di etnia rom ed in particolare “sinti”, che si presentavano “quasi elemosinando” e palesando uno stato di indigenza tale per cui, benché la ditta fosse in regola con ogni tipo di smaltimento, cedeva loro del ferro.

Oltre al ferro da smaltire, hanno preso anche alcuni scarti di lavorazione e queste persone, cui è stato regalato il ferro, non ci hanno pensato due volte ad abbandonarli in modo illecito.

Sono così finiti nei guai quattro soci di un’azienda per non aver impedito che terzi smaltissero in modo non idoneo determinati scarti di lavorazione attribuibili ai primi.

Ma le indagini degli inquirenti hanno permesso di accertare molto di più. Infatti la maggior parte dei soggetti di etnia rom che si recano presso le aziende o i cantieri della zona a chiedere il ferro, fanno parte di un consorzio amministrato da una persona di etnia rom ed in particolare “sinti”, pluripregiudicata per reati ambientali e la cui sede è nella provincia di Torino.

La ragione sociale di questa “azienda” vorrebbe che smaltissero i rifiuti nel modo corretto, ma allo stato dei fatti, non è la prima volta che accade che determinato materiale venga disperso in modo non consono all’attuale normativa.

Gli agenti, rintracciato quindi un contatto telefonico dei soggetti, hanno chiamato spiegando che avevano “del ferro da smaltire” e hanno dato appuntamento a Santo Stefano di Magra, a pochi metri dal Comando.

Sul posto sono arrivati puntuali due soggetti di etnia rom, con un furgone aperto della stessa tipologia di quello utilizzato per prelevare il ferro dall’azienda.

Gli uomini del Comando, in borghese, si sono avvicinati e hanno accompagnato i due soggetti a “prendere il ferro”. Dopo pochi istanti i due hanno capito che l’unico materiale ferroso nella zona era il telaio dell’insegna "Polizia locale".

Entrambi denunciati, per abbandono di rifiuti rischiano l’arresto fino a tre mesi e l’ammenda fino a 26.000 €.

"Molte volte ci si può fare impietosire – riferisce il Comandante Flavio Toracca – dall’apparente o palese indigenza di alcune persone, pertanto si capisce che possa prevalere la volontà di “aiutare”. Resta però il fatto che alcuni sono estremamente spregiudicati ed a questi poco importa se da un loro gesto possa o meno derivare un procedimento penale a carico di chi voleva solo dar loro una mano. Al fine di scongiurare amare conseguenze processuali – conclude il Comandante – il consiglio è quello di procedere sempre con un corretto smaltimento rifiuti, affidandosi a ditte specializzate e soprattutto qualificate".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

L'auto si trovava in via XX Settembre, proprio nei pressi dalla Polizia Locale. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Miglior giocatore del torneo Edoardo Polenghi del Rapallo, miglior portiere il sampdoriano Jacopo Pagliughi. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa