L'isola che c'è, sulla via dei condannati e delle fortezze In evidenza

Domenica 23 settembre una escursione alla scoperta dell'Isola Palmaria.

Venerdì, 21 Settembre 2018 11:18

Nell’isola ove da tanti anni l’associazione Mangia Trekking cura la manutenzione e la segnatura dei sentieri, ritorna l’iniziativa “L’isola che c’è“. Domenica 23 settembre 2018, un evento che rientra in un progetto realizzato insieme ai Parchi di Mare e della Montagna Appenninica (Parco Naturale Regionale di Porto Venere e Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano). Un evento che per i suoi contenuti naturalistico-ambientali viene sostenuto e promosso da importanti aziende nazionali dei settori alpinismo e dell'escursionismo (AKU, CAMP, Vibram, Lizard). L’isola Palmaria, luogo di alpinismo lento, ed "esatto punto d'intersezione geografico" visibile da tutte le principali montagne dell'Appennino Tosco Emiliano.

L’iniziativa comprende il periplo totale dell'isola, costeggiando le fortezze, ben descritte nel libro del più importante esperto italiano di fortificazioni ed architettura militare, Gen. Ing. Piero Pesaresi, nell’opera “Progetti Integrati per le Antiche Fortificazioni Costiere” . Durante il periplo dell'isola l’associata Dott.ssa Chiara Piaggio (scienze ambientali) racconterà e descriverà le principali piante presenti sull'isola (pini, lecci, roverella, lentisco, corbezzolo, cisti, ginestre spinose, ecc.ecc.). Un altro associato, il Dott. Marco Cuttica, parlerà delle cave di marmo nero con striature di "portoro" ed altre particolarità culturali dell’isola. Verrà raccontata la storia ed il funzionamento del faro dell'isola del Tino. Tutti insieme i partecipanti cammineranno sulle vie dei Condannati. Nel cammino vi sarà la possibilità di avvistare tanta fauna che vive e fa riferimento all’isola Palmaria; il tarantolino (il più piccolo dei gechi europei), ma anche il gheppio, il falco, lo sparviero, la pernice rossa, il gabbiano, il corvo imperiale, il passero solitario, il cormorano, la capra ed il coniglio.

Pranzo al sacco e data la stagione, si consiglia costume ed asciugamano al seguito.
La partenza dell'intera attività è fissata intorno alle ore 10.20 dalla baia del Terrizzo (molo di attracco dei natanti che trasportano le persone).

Prenotazioni & Info Anna 348 8807392.
Per motivi logistici, circa il battello per l’isola, si chiede la prenotazione.

Percorso facile-escursionistico ed aperto a tutti, naturalmente con garanzie di responsabilità personale relativamente all'idoneità fisica ed agli infortuni. Evento gratuito.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

di Elena Voltolini - Probabilmente sarà presentato già domani. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
di Giacomo Cavanna - Primo appuntamento con pittori e ballerini per la serata organizzata dalla Consulta Giovani. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa