Romito riscopre il suo passato In evidenza

Foto, documenti e videointerviste.

Venerdì, 24 Agosto 2018 11:02

Per due giorni Romito Magra farà un salto indietro nel tempo riscoprendo luoghi, immagini e persone di un’epoca passata.

 

Sabato 25 e domenica 26 agosto, in concomitanza con la festa patronale di San Genisio, torna la manifestazione «Romito ieri», organizzata dall’associazione VivoRomito. L’edizione di quest’anno si è ulteriormente arricchita, tanto che la mostra verrà allestita in ben quattro diverse postazioni del paese. Ci saranno pannelli di foto d’epoca lungo tutta la copertura del canale Rio Maggio, dalla rotatoria fino al piazzale della chiesa e nella cripta della chiesa proiezioni di videointerviste fatte agli anziani. Novità assoluta di quest’anno la proiezione nel piazzale delle Poste di oltre settecento foto donate da famiglie romitesi, saranno proiettate su uno schermo speciale realizzato da Lanfranco Barboni, che consente la visione da diverse angolazioni: foto di matrimoni, di feste di paese, delle antiche case in sasso, insegne di negozi ormai scomparsi, una carrellata di ricordi e di emozioni per tutti i romitesi.

A questo si aggiunge un’interessante mostra di cartografia e documenti storici curata dall’architetto Giacomo Bernazzani e dallo storico locale Alberto Incoronato, che ha recuperato moltissimi documenti grazie alla disponibilità e cortesia del personale dell’archivio di stato della Spezia e della dottoressa Emilia Petacco romitese trapiantata ad Arcola.

Nella cripta della chiesa sarà invece possibile ascoltare le videointerviste agli anziani del posto realizzate dalla giovane fotografa Beatrice Angelini, che si è dedicata con passione e competenza a questa iniziativa di realizzare una sorta di archivio della memoria: storie di incontri, di amori, di fidanzamenti, di litigi emergono dalle voci narranti dei protagonisti e descrivono un mondo che non esiste più.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

I due stavano abbandonando oggetti di plastica rotti, vestiti logori e materiali di risulta provenienti da lavori di edilizia. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa