Boom di turisti a Groppo per la festa degli Spaventapasseri (foto) In evidenza

di Massimo Guerra - All'insegna della difesa e del recupero delle tradizioni.

Martedì, 31 Luglio 2018 09:23


I 20 abitanti di Groppo di Godano diventano 2.000 d'estate per la festa degli Spaventapesseri, curiosa kermesse eno-gastronomica tra i carruggi medievali puntellati dai colorati pupazzi appesi un po' ovunque e in gara tra loro per il titolo di miglior Spaventapasseri 2018. Il paese è bello ma piccolo: per portare su i numerosi turisti che si sono dati appuntamento domenica pomeriggio sbuffano sui 2,5 km di tornanti alcuni furgoni trasformati in navette per l'occasione, con coda imponente in attesa dell'imbarco. I più sportivi d'animo si inerpicano a piedi sulla strada curvosa che taglia a metà orti e frutteti.

 

Una volta in piazza, altra coda (l'ultima o quasi) per acquistare i biglietti per 10 consumazioni in altrettante cantine padronali: difficile riuscire a mangiare e, soprattutto, a bere in tutte con ottimi salami e formaggi, poca ma buona anche la torta di riso e verdura, buon farro, ricotta e miele, quasi alla fine una pasta e fagioli da arditi, una fetta d'anguria, pandolce e per chi arriva vivo anche le frittelle di castagne e le macedonie di frutti di bosco offerte dalla Pro Loco.

Che altro aggiungere? Da evitare: certi vini in etichetta (basta un accenno e dalla cantina spunta quello buono) e il posto di blocco giù a valle, se alla guida c'è un degustatore perché la patente viene dematerializzata all'istante.

L'iniziativa, realizzata con il patrocinio del comune di Sesta Godano, in collaborazione con la Comunità di Groppo, l'associazione turistica Pro Loco Sesta Godano e Frazioni, il locale circolo Anspi e il consorzio Il Cigno ha voluto raccogliere l'importante messaggio degli spaventapasseri riassunto nel coupon che dà il benvenuto alla festa: "Realizzati da mani sapienti, hanno subito una metamorfosi, da guardiani dei coltivi a difesa degli usi e delle tradizioni, dei riti, del senso di appartenenza del territorio, con l'invito a riprendere quelle logiche e priorità che hanno accompagnato le generazioni passate, consegnandoci un territorio ancora pulito, sano, bello, nel pieno rispetto della sostenibilità ambientale".


Cliccate qui per leggere le precisazioni del Comitato organizzatore.



È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il monitoraggio di Arpal ha dato esito negativo. Ora la vera partita è quella della rimozione dell’eternit dai capannoni: ancora nessuna risposta dal governo. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il consigliere comunale di Forza Italia attacca il collega Massimo Baldino sulla vicenda Enel. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa