Umanizzazione delle cure oncologiche, oltre 40 professionisti a confronto In evidenza

Al centro dell'attenzione il rapporto degli operatori sanitari con i pazienti e i loro famigliari, oltre alle innovazioni terapeutiche.

Venerdì, 22 Giugno 2018 14:51


Non solo l’aspetto sanitario e le innovazioni terapeutiche in grado di combattere in maniera più efficace la patologia e migliorare l’aspettativa di vita dei pazienti: nella presa in carico dei malati oncologici assume un ruolo sempre più determinante l’umanizzazione delle cure, dove la comunicazione, il rapporto medico-paziente e la corretta elaborazione del carico emotivo da parte del medico sono elementi importanti per la costruzione del miglior percorso terapeutico.

 

Una nuova frontiera dell’oncologia moderna che vede l’Asl5 “Spezzino” in prima linea, con un programma aziendale dedicato e con l’organizzazione di un corso, “Il carcinoma mammario oltre l’innovazione terapeutica: l’empatia e la dimensione emozionale nella relazione medico – paziente” diretto da Carlo Aschele, Direttore della S.C. Oncologia, che ha visto la partecipazione di oltre quaranta professionisti delle strutture di Oncologia, Radioterapia, Radiologia Senologica, Chirurgia Plastica e Senologica afferenti alle Breast Unit del Levante Ligure, del Piemonte, della Toscana e dell’Emilia Romagna.
Un momento di confronto e di riflessione che ha permesso di fare il punto sulle terapie per il trattamento di una delle patologie con maggior incidenza nella popolazione femminile, e di approfondire gli “strumenti” alla base dell’umanizzazione della cura: tra i temi affrontati, l’accoglienza e la comunicazione medico-paziente, le diverse problematiche che possono manifestarsi nella relazione con i pazienti e con i loro familiari, e gli aspetti comunicativi nelle varie fasi della malattia.

“Le innovazioni nei percorsi terapeutici ci permettono di ottenere risultati migliori, ma è necessario che queste siano accompagnate anche da una presa in carico della sfera emozionale del paziente. L’umanizzazione della cura è fondamentale. La comunicazione e l’empatia, assieme alle terapie innovative, rappresentano la nuova frontiera dell’oncologia moderna – spiega il dottor Aschele –. La comunicazione medico-paziente è importante, e studi internazionali dimostrano che aumenta l’efficacia della terapia”.

Il corso ha visto l’intervento di due esperti di comunicazione, il professore Ivano Boscardini e la dottoressa Maria Emanuela Negru, e si è articolato in lezioni frontali e in una parte interattiva, con la simulazione degli scenari più critici che quotidianamente caratterizzano la relazione medico-paziente, relativamente ai trattamenti oncologici e alle terapie di supporto, alla cessazione delle terapie attive e all’attivazione delle cure palliative.

La partecipazione delle strutture di Oncologia e delle Breast Unit di Novara, Parma, Versilia, Lucca e Firenze è stata l’occasione per avviare un progetto di collaborazione e confronto.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)
Asl V

Ospedale Sant'Andrea, Via Vittorio Veneto, 197
19124 La Spezia

Tel. 0187 026198

www.asl5.liguria.it

Ultimi da Asl V

Sanità, sciopero il 19 novembre

Mercoledì, 13 Novembre 2019 18:03 comunicati-lavoro
Proclamato dal Sindacato Professionale SHC Sanità Human. Leggi tutto
Asl V

Sanità in sciopero il 25 ottobre

Giovedì, 17 Ottobre 2019 14:36 comunicati-lavoro
Per l'intera giornata. Leggi tutto
Asl V

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa