Insulti sui social: questa volta tocca a Portovenere In evidenza

Ormai è quotidiana la diatriba che coinvolge i social network.

Venerdì, 08 Settembre 2017 14:42


Oggi tocca a Portovenere salire alla ribalta delle cronache in seguito alla denuncia (che potete leggere qui) riportata da Daniele Brunetti sul sito www.partigianocivico.it, che accusa l’amministrazione di non essere intervenuta riguardo agli insulti apparsi sulla pagina FB “Il comune siamo noi”.

Le accuse riguardano, a detta di Brunetti, il silenzio dell’amministrazione di Portovenere riguardo agli insulti apparsi nella pagina secondo lui riferibile all’attuale amministrazione.
Lo scontro politico sembra inevitabile anche sul terreno dei social, dove contrariamente a ciò che accade nel mondo reale, sembra che qualcuno (troppi) pensi che le responsabilità su ciò che si afferma e si scrive pubblicamente non esistano. Pensare di moderare tutti i commenti è fuorviante, servirebbe troppo tempo, bisognerebbe scoraggiare a priori tali comportamenti.

Vero è d’altronde, che se un commento sui social risulta offensivo e lesivo della altrui dignità è sempre possibile segnalarlo a Facebook ed attendere che sia il social network a prendere provvedimenti nel caso ne esistano gli estremi.
Oggi i social sembrano sempre di più un luogo reale nelle conseguenze e virtuale nelle responsabilità.

La maleducazione e l’estrema ignoranza dilagano e le lamentele si susseguono ogni giorno.

Restano le regole etiche, del buon gusto, dell’educazione, del piacere di discutere nel merito delle questioni a far da baluardo alla barbarie che avanza, specchio, a parere di chi scrive, di una società smaterializzata dove le responsabilità personali vengono diluite nella massa, dove si crede lecito intervenire a sproposito su qualunque argomento, dove anche l’opinione più assurda trova sponda. Tutto ciò legittima secondo alcuni l’ignoranza e la maleducazione, in nome di una libertà fraintesa, pena la salvaguardia stessa dell’esistenza della rete.

Sicuramente il tempo servirà ad autoregolamentare anche la rete, intesa come comunità, dove lo spazio per l’idiozia e l’arroganza sarà ristretto sempre di più, a favore di uno scambio equo e diligente, che sia foriero di conoscenza e barriera alla stupidità, che tuttavia resta e resterà, caratteristica ineliminabile dell’umana gente.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Alfredo Rapetti Mogol ne esalta la modalità di scrittura. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Il premio speciale per la Sezione Saggistica va invece ad Eliana Liotta. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa