Criminalità alle Cinque Terre, duro lavoro dei carabinieri In evidenza

Continuano i servizi di controllo del territorio da parte dell’arma dei carabinieri nelle Cinque Terre: in un fine settimana denunce, multe e sequestri. 

Lunedì, 31 Luglio 2017 19:41


Nel decorso weekend sono stati effettuati specifici servizi per prevenire e reprimere i borseggi, l’abusivismo commerciale ma più in generale ogni forma di criminalità diffusa.

I RISULTATI

Alle ore 06.45 di oggi, sull’utenza di emergenza “112” un cittadino di Monterosso segnalava la presenza di più persone che nei pressi della stazione ferroviaria si aggiravano con fare sospetto dove erano parcheggiate alcune biciclette. Una pattuglia della locale stazione dei carabinieri immediatamente si recava sul posto. Qui ha trovato ed assoggettato a controllo:

  • M.M., nato in Senegal nel 1997, residente ad Arcola.
    Predetto, veniva trovato in possesso di una bicicletta, asportata poco prima, di proprietà di un cameriere di Riccò del Golfo.

Nella giornata di ieri, a Riomaggiore, i carabinieri della locale stazione, nel corso di una pianificata attività finalizzata al contrasto del commercio abusivo, sottoponevano a controllo:

  • cittadino bengalese, cl. ’88, residente a Sestri Levante.

Il ragazzo è stato sorpreso nelle vie del centro nel vendere cappellini senza la prevista autorizzazione al commercio itinerante. Sequestrati 90 cappellini e 12 spinner. Merce sequestrata e depositata presso uffici locale polizia municipale.
Per lui anche una sanzione amministrativa per importo di 5.000,00 euro.

Corso mirato servizio finalizzato alla prevenzione dei borseggi nelle stazioni ferroviarie delle 5 Terre, sempre i carabinieri di Riomaggiore hanno denunciato, per violazione alle norme per l'immigrazione, perché trovata priva di documento di identità o permesso di soggiorno una minorenne, domiciliata in Genova, ma di origine rom.

A Monterosso, i carabinieri della locale stazione, nel corso di pianificata attività finalizzata al contrasto del commercio abusivo, hanno sottoposto a controllo due cittadini marocchini, uno 55enne, l’altro 30enne, entrambi residenti a Genova.
I due, sono stati sorpresi a vendere complessivamente 28 teli da mare in zona interdetta e senza la prevista autorizzazione del sindaco. Sono anche state elevate sanzioni amministrative per un totale di 10.000 euro. Nel contesto sono stati sequestrati altri 11 teli da mare ad ignoti venditori che, alla vista degli operanti, si davano alla fuga. Merce sequestrata ed affidata in custodia alla polizia municipale del luogo.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Nuovo Dpcm, firmato il provvedimento

Domenica, 25 Ottobre 2020 10:50 cronaca
Bar e ristoranti chiusi dalle 18.00; chiuse le strutture sportive. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

"Navi da crociera ma non solo"

Domenica, 25 Ottobre 2020 10:29 politica-la-spezia
Il commento del consigliere Baldino prima del consiglio comunale di domani sera, durante il quale si parlerà di navi da crociera, ma non solo. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa