Musica e solidarietà: donazione dell’associazione Alexandre Mattei all’Opa di Massa In evidenza

Musica è divertimento, emozione, solidarietà: un modo per tenere vivo il ricordo di chi non c'è più.

Sabato, 15 Ottobre 2016 09:57

L'associazione culturale Alexandre Mattei, istituita in memoria del musicista pietrasantino Alexandre Mattei scomparso prematuramente nel 2015, ha donato parte del ricavato della seconda edizione del Seravezza Blues Festival del 14 luglio scorso alla Fondazione Toscana "Gabriele Monasterio", che gestisce l'Ospedale del Cuore di Massa, meglio conosciuto come Ospedale Pediatrico Apuano (Opa).

La cifra – ottenuta anche grazie al supporto della Banca di Credito Cooperativo Versilia, Lunigiana e Garfagnana, della Fondazione Terre Medicee e di vari commercianti versiliesi - è servita per contribuire all'acquisto di "Resuscitaire", uno strumento tecnologicamente avanzato, utilizzato per assistere i neonati affetti da cardiopatia.

"Abbiamo deciso di destinare i proventi della prima edizione del Seravezza Blues Festival per l'acquisto di un defibrillatore per una società sportiva della Versilia. Quest'anno ci siamo voluti avvicinare all'Opa, un rapporto che proseguirà anche in futuro", ha spiegato Giuseppe Campatelli, presidente dell'associazione che porta il nome di Alexandre Mattei venuto a mancare proprio a causa di un problema cardiaco.

Nella giornata di venerdì il direttore sanitario dell'Opa Maurizio Petrillo, il direttore generale Luciano Ciucci e la dirigente infermieristica Stefania Baratta hanno illustro caratteristiche e funzioni di "Resuscitaire", destando la curiosità e l'interesse ai componenti dell'associazione: oltre a Campatelli, il vicepresidente Francesco Mattei, il segretario Andrea Pierotti e Piero Mattei, papà di Alexandre.

L'Opa si conferma una struttura di eccellenza non solo a livello nazionale in grado di fornire assistenza ai pazienti grazie ad apparecchi di ultimissima generazione come "Resuscitaire".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Ci sarebbe l'impegno per lo stop al carbone quanto prima e si può riaprire la partita sul turbogas. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

1 commento

  • Link al commento Dario Domenica, 16 Ottobre 2016 11:17 inviato da Dario

    Ma perché non si mette in chiaro quanto è stato raccolto e quanto è stato donato ? Magari pubblicare la copia del bonifico sarebbe elegante, no ?

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa