Il Comitato "UnitiPerAlbiano" prosegue la sua battaglia In evidenza

Di Luca Manfredini - Riunione fiume, ieri sera, alla Croce Rossa di Albiano Magra all'insegna del 'più attivi che mai'.

Venerdì, 16 Settembre 2016 19:18

Dopo l'incendio dell'Impianto di trattamento rifiuti Costa Mauro del 31 luglio scorso e la conseguente sospensione dell'attività imprenditoriale per il sequestro penale applicato, i cittadini Albianesi non si limitano a gustare la momentanea pace ma si attivano ancor di più per mantenerla.
Si susseguono infatti i contatti quotidiani tra i cittadini del comitato e tutti gli Enti che seguono la problematica, ligi al concetto del diritto/dovere dei cittadini di seguire e spingere l'evolversi della situazione, in questo caso, verso la chiusura definitiva dell'impianto di smaltimento rifiuti tanto ambita dagli Albianesi.

I Cittadini di 'UnitiPerAlbiano' sono orgogliosi della loro storia ormai ben consolidata e della libertà dell'essere un 'non comitato' (in quanto non costituito) ma, seppur renitenti ad ufficializzarlo a norma di legge, ora ne valuteranno la possibilità. Un Comitato "a norma", infatti, consentirebbe di influire più incisivamente diventando parte lesa e aprendo un'interlocuzione con le indagini stesse della Procura.
La ditta Costa che dal 2010 procede le sue attività passando di  'proroga in proroga'  in attesa di autorizzazione ambientale, (autorizzazione negata poi alla sua scadenza del 29 agosto dalla Provincia di Massa Carrara) ha aperto dopo il sequestro una procedura di mobilità per i dipendenti, poi sospesa in attesa di incontri ulteriori con la Regione.
Questo dopo il comunicato della Regione Toscana e lo spiraglio aperto teso a verificare tutte le possibilità di proseguo, in rispetto alle normative, dell'impianto incriminato.

I due portavoce del Comitato, Roberto Cipriani e Valter Moretti, alla presenza del Giurista Ambientale Marco Grondacci e dell'Avvocato Valentina Antonini, hanno ripercorso la storia di Costa Mauro, le loro iniziative di questi lunghi anni di lotta e tutti i cavilli contestati sinora e contestabili in futuro.
Di fronte a loro cittadini ben attivi e partecipi con cui hanno approfondito le problematiche dell'impianto contestato, gli interventi degli enti coinvolti nei controlli e nei permessi, le responsabilità politiche e le lungaggini burocratiche.
Hanno chiesto e ottenuto risposte alle loro domande, pianificato riunioni e valutato, insieme ai due tecnici presenti, quali possibili iniziative intraprendere, ben consci di non poter ancora "abbassare la guardia".

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

L’alluvione di ieri ha alzato il livello del fiume Magra che ha trascinato via l’ultimo mezzo rimasto sul ponte crollato di Albiano. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa