Debutta sull'isola Palmaria il gas metano In evidenza

Porto Venere, 23 maggio 2012 – Debutta sull'Isola Palmaria il gas metano in rete. Da oggi, 23 maggio, l'isola sarà servita dalla rete gas metano attraverso l'attivazione della condotta sottomarina per il trasporto del gas e delle condotte di distribuzione a cui sono collegate le utenze. Un intervento strutturale, strategico per il futuro dell'isola, perla del Parco naturale di Porto Venere, che segue quello della condotta acquedottistica sottomarina inaugurata nell'agosto del 2011.

Mercoledì, 23 Maggio 2012 18:24
Due interventi strutturali entrambi progettati interamente dalla multi utility spezzina ACAM SpA che ha anche diretto i lavori eseguiti, in appalto, dalle società Giustiniana Srl di Gavi (provincia di Alessandria) e Sub Mariner della Spezia. Costo complessivo del gasdotto 458.574,69 cofinanziati da ACAM gas SpA, Regione Liguria, Comune di Porto Venere, Dupim Isole Minori. Il nuovo gasdotto, in servizio da oggi, funzionante sia in adduzione che distribuzione alle utenze, si collega alla rete esistente in Porto Venere, ubicata su via Garibaldi. Il suo percorso si sviluppa per 65 metri a terra da via Garibaldi a via dell'Olivo, 550 metri in attraversamento sottomarino al canale di Porto Venere e, per 1.310 metri sull'isola Palmaria (tratto compreso tra il suo approdo in località Punta del Secco e la località Terrizzo). Sul nuovo gasdotto sono state realizzate le diramazioni di allaccio alle utenze.

"L'isola Palmaria - ha commentato il presidente ACAM Paolo Garbini- è la prima isola ligure metanizzata e tra le prime isole minori. L'inaugurazione della condotta gas sottomarina segue quella dell'agosto 2011 per il trasporto dell'acqua. Le tempistiche sono state rispettate grazie alla proficua collaborazione intercorsa tra l'azienda e il Comune. In meno di un anno, dall'agosto 2011 a maggio 2012 sono stati portati a termine due interventi strutturali decisivi per il futuro dell'isola Palmaria. Per ACAM si tratta di un risultato che attesta la qualità industriale dell'azienda e l'alta professionalità degli addetti. Nonostante le difficoltà finanziare che hanno investito il nostro gruppo, ACAM ha investito 200 milioni di euro nelle infrastrutture del servizio idrico integrato negli ultimi sei anni. Un altro dato che ci conforta è quello statistico: le perdite idriche si attestano attorno al 18% contro una media nazionale del 45".

"Stiano lavorando - ha dichiarato il sindaco di Porto Venere Massimo Nardini – affinché la Palmaria diventi un piccolo modello di sviluppo sostenibile. Un laboratorio al cui centro deve sempre e comunque esserci l'uomo, in coerenza con quanto stabilito dall'Unesco, al momento dell'iscrizione nell'elenco dei siti Patrimonio Mondiale dell'Umanità".

Le parole del presidente Garbini del sindaco Nardini sono state accompagnate dall'accensione della fiaccola che simboleggia l'arrivo del gas metano alla Palmaria. La giornata sull'isola è stata, quindi, caratterizzata da altri due eventi: l'inaugurazione del percorso tra il Terrizzo e punta Befettuccio. Un tracciato, percorribile a piedi e in bici, riqualificato a seguito dell'abbattimento dell'ecomostro detto "Scheletrone", una maxi costruzione rimasta incompiuta per quasi quarant'anni che deturpava l'isola. Terzo evento l'inaugurazione della mostra "Ai forti del mare" nella fortezza Umberto I, dove primeggia la Polena della Nave Kaiser Max, battello che ha partecipato alla storica battaglia di Lissa.

I lavori della giornata sull'isola Palmaria sono stati seguiti dalle massime autorità civili e militari, tra cui il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, affiancato dagli assessori regionali Raffaella Paita, Marylin Fusco e Enrico Vesco, l'ammiraglio comandante del Dipartimento Marittimo Alto Tirreno Andrea Toscano. Per ACAM oltre al presidente Paolo Garbini era presente l'amministratore unico di ACAM acque Luca Piccioli e l'Amministratore delegato ACAM gas Rosario Di Bartolo.

Il gruppo di lavoro ACAM impegnato nella progettazione e direzione lavori della costruzione reti acqua e gas a servizio dell'isola Palmaria nel Comune di Porto Venere è formato da: Vittorio Petrone (capo divisione), Fausto Lanieri (capo unità), Filippo Bertoni e Andrea Portonato (progettisti), Roberto Di Negro (direttore operativo), Alan Tonelli (ispettore di cantiere).

 

Da oggi 23 maggio è in funzione la condotta sottomarina per il trasporto del gas

e delle condotte di distribuzione a cui sono collegate le utenze.

Progetto e realizzazione di ACAM SpA

------------------------

La condotta gas si sviluppa per 550 metri in attraversamento sottomarino

nel canale di Porto Venere e per

1.310 metri sull’isola

----------------------------------------------------

Gasdotto: importo complessivo: € 458.574,69

 

L’intervento strutturale segue quello della condotta acquedottistica sottomarina

inaugurata lo scorso anno (8 agosto 2011)

 

Porto Venere, 23 maggio 2012 – Debutta sull’Isola Palmaria il gas metano in rete. Da oggi, 23 maggio, l’isola sarà servita dalla rete gas metano attraverso l’attivazione della condotta sottomarina per il trasporto del gas e delle condotte di distribuzione a cui sono collegate le utenze. Un intervento strutturale, strategico per il futuro dell’isola, perla del Parco naturale di Porto Venere, che segue quello della condotta acquedottistica sottomarina inaugurata nell’agosto del 2011.  Due interventi strutturali entrambi progettati interamente dalla multi utility spezzina ACAM SpA che ha anche diretto i lavori eseguiti, in appalto, dalle società Giustiniana Srl di Gavi (provincia di Alessandria) e Sub Mariner della Spezia. Costo complessivo del gasdotto 458.574,69 cofinanziati da ACAM gas SpA, Regione Liguria, Comune di Porto Venere, Dupim Isole Minori. Il nuovo gasdotto, in servizio da oggi, funzionante sia in adduzione che distribuzione alle utenze, si collega alla rete esistente in Porto Venere, ubicata su via Garibaldi. Il suo percorso si sviluppa per 65 metri a terra da via Garibaldi a via dell’Olivo, 550 metri in attraversamento sottomarino al canale di Porto Venere e, per 1.310 metri sull’isola Palmaria (tratto compreso tra il suo approdo in località Punta del Secco e la località Terrizzo). Sul nuovo gasdotto sono state realizzate le diramazioni di allaccio alle utenze.

 “L’isola Palmaria - ha commentato il presidente ACAM Paolo Garbini- è la prima isola ligure metanizzata e tra le prime isole minori. L’inaugurazione della condotta gas sottomarina segue quella dell’agosto 2011 per il trasporto dell’acqua.  Le tempistiche sono state rispettate grazie alla proficua collaborazione intercorsa tra l’azienda e il Comune. In meno di un anno, dall’agosto 2011 a maggio 2012 sono stati portati a termine due interventi strutturali decisivi per il futuro dell’isola Palmaria.  Per ACAM si tratta di un risultato che attesta la qualità industriale dell’azienda e l’alta professionalità degli addetti. Nonostante le difficoltà finanziare che hanno investito il nostro gruppo, ACAM ha investito 200 milioni  di  euro nelle infrastrutture del servizio idrico integrato negli ultimi sei anni. Un altro dato che ci conforta è quello statistico: le perdite idriche si attestano attorno al 18% contro una media nazionale  del 45”.

 

 “Stiano lavorando - ha dichiarato il sindaco di Porto Venere Massimo  Nardini – affinché la Palmaria diventi un piccolo modello di sviluppo sostenibile. Un laboratorio al cui centro deve sempre e comunque esserci l’uomo, in coerenza con quanto stabilito dall’Unesco, al momento dell’iscrizione nell’elenco dei siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità”.

Le parole del presidente Garbini del sindaco Nardini sono state accompagnate dall’accensione della fiaccola che simboleggia l’arrivo del gas metano alla Palmaria. La giornata sull’isola è stata, quindi, caratterizzata da altri due eventi: l’inaugurazione del percorso tra il Terrizzo e punta Befettuccio. Un tracciato, percorribile a piedi e in bici, riqualificato a seguito dell’abbattimento dell’ecomostro detto “Scheletrone”, una maxi costruzione rimasta incompiuta per quasi quarant’anni che deturpava l’isola. Terzo evento l’inaugurazione della mostra “Ai forti del mare” nella fortezza Umberto I, dove primeggia la Polena della Nave Kaiser Max, battello che ha partecipato alla storica battaglia di Lissa.

 

I lavori della giornata sull’isola Palmaria sono stati seguiti dalle massime autorità civili e militari, tra cui il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, affiancato dagli assessori regionali Raffaella Paita, Marylin Fusco e Enrico Vesco, l’ammiraglio comandante del Dipartimento Marittimo Alto Tirreno Andrea Toscano. Per ACAM oltre al presidente Paolo Garbini era presente l’amministratore unico di ACAM acque Luca Piccioli e l’Amministratore delegato ACAM gas Rosario Di Bartolo.

 

Il gruppo di lavoro ACAM impegnato nella progettazione e direzione lavori della costruzione reti acqua e gas a servizio dell’isola Palmaria nel Comune di Porto Venere è formato da: Vittorio Petrone (capo divisione), Fausto Lanieri (capo unità), Filippo Bertoni e Andrea Portonato (progettisti), Roberto Di Negro (direttore operativo), Alan Tonelli (ispettore di cantiere).

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Pastorino: "Il suo atteggiamento fa solo male alla Liguria". Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa