Le Grazie, da dove si scende nel profondo blu In evidenza

LE GRAZIE - Per tre giorni - 25, 26 e 27 maggio - il golfo della Spezia e in particolare la splendida baia delle Grazie saranno luoghi di riferimento della subacquea italiana.

Mercoledì, 23 Maggio 2012 14:38

Grazie alla casa editrice Sagitta Srl, in collaborazione con il Comune di Porto Venere, è nato un evento dedicato alla subacquea e al mondo del mare. Si tratta di una manifestazione importante per lo sviluppo dell'attività subacquea nel Tirreno, oltre ad essere il via per un progetto molto vario e di lunga durata. Questo evento è così da ritenere come un nuovo appuntamento di rilievo nel panorama della cultura italiana (ma non solo) del mare.

Si tratta di una manifestazione dedicata a tuttotondo alla subacquea con un argomento trainante e una serie di esposizioni attorno alli quale sono state costruite altre attività come: spazi culturali, interventi storici, appuntamenti congressuali, dimostrazioni pratiche e premiazioni.

Perché non conviene mancare?

Perché, per esempio, è pronto un progetto per trasformare tre relitti in una palestra per subacquei: "Sarà la chiave di volta per lo sviluppo delle immersioni in questa zona".

Si tratta della nuova frontiera del turismo subacqueo che passa dalla creazione di siti artificiali di immersione, utili anche come palestre di addestramento, aree di studio, protezioni da pratiche di pesca illegali e per il ripopolamento.

Mentre si registrano record di presenze sui relitti di mezzo mondo, l'Italia resta però ancora al palo. Sarà così lo "scuttling", questa è la parola chiave di questa procedura che è la normalità in molte aree del pianeta, a dare un'occasione di sviluppo del territorio. Mentre in Italia è appena oggetto di discussione tra i soli addetti ai lavori all'estero, da Malta all'Albania, sono già avanti. Il termine inglese indica l'affondamento deliberato di relitti in zone particolari della costa (in basso fondale) come misura di promozione di interessi turistico-ricreativi e di ripopolamento ittico. Da qualche anno, partendo da esperienze che arrivano dall'America e persino anche da Cuba, molti relitti vengono inabissati con il preciso intento di creare un'attrattiva turistica e fare economia.

L'occasione di aprire un dibattito su questo tema, con la presentazione di un progetto che parla di centinaia di posti di lavoro e di un flusso turistico di grande importanza, sarà così la prima edizione di "La città dei palombari", cioè il nuovo grande evento di rilievo dedicato al mondo subacqueo che avrà sede appunto alle Grazie. Il convegno su questo tema sarà sabato 26 maggio, nel pomeriggio. Ma non c'è solo questo nell'evento di maggio, sul programma troverete molti appuntamenti interessanti.

VENERDÌ 25 maggio alle 9,30 incontro con le scuole; alle 15 apertura al pubblico delle mostre nel borgo e inizio dei lavori della "città dei palombari" con interventi di  VALENTINA RAVASIO amministratore delegato di Sagitta Editrice e GIOVANNI PISTONE vicesindaco di Porto Venere. Alle 15,15 convegno "La costa dei palombari. Storia, ambiente e persone".

Storia: GIANFRANCO VECCHIO di The historical maritime society, "La capitale della subacquea", in collaborazione con Hydrolab e l'associazione nazionalepalombari e sommozzatori.

Ambiente: CLAUDIA FACHINETTI: "Le aree marine protette"; ROBERTO POMO per il Parco naturale regionale di Porto Venere; CLAUDIO VALERANI per il Parco nazionaledelle Cinque Terre; - PATRIZIO SCARPELLINI per ilparco naturale di Montemarcello-Magra.

Persone: FRANCESCA GIACCHÈ: "I palombari nelgolfo".

Ospite speciale: GIANCARLO BARTOLI di The historical diving society Italia.

Alle 21 conferenza del  capitano di corvetta Giampaolo Trucco, direttore della Scuola subacquei della Marina militare italiana su "Passato, presente e futuro dei palombari della Marina militare".

Alle 22 visione filmato storico "Uomini sul fondo".

SABATO 26 maggio

ORE 10,30 libera visita alla mostra (orari 10,30/13– 14,30/19– 21/22,30); alle 10,30 "Operazione mare pulito 2012" ( a cura della PRO LOCO LE GRAZIE)

ORE 14,30 convegno "L'affondamento dei relitti, una risorsa?". Relazione introduttiva di MARIANO ALBERTO VIGNALI; interventi di MARCELLO TOJA direttore della rivista M.A.R.E.; VITTORIO BIAGIONI Dyria Sub; LEONARDO D'IMPORZANO subacqueo e giornalista; LUCA NATALE Parco Nazionale Cinque Terre; SERENA STRADA Parco Naturale Regionale di Porto Venere; PAOLO VARRELLA Legambiente; PIERGINO SCARDIGLI Presidente di Assonautica; LORENZO MASI assessore alla cultura Comune di Porto Venere. Seguiranno ildibattito e le conclusioni tratte da GIANFRANCO BIANCHI presidente Camera di commercio della Spezia e appassionato velista. Modererà CLAUDIA FACHINETTI.

Alle 21,15 CONFERENZA "L'affondamento dell'Iride. salvataggio sul fondo", a cura di MARIANO ALBERTO VIGNALI Rivista M.A.R.E.

DOMENICA 27 maggio: alle 10,30 libera visita alla mostra (orari 10,30/13 – 14,30/18,30); alle 10.45 SPAZI A MARE (rotonda-banchina) dimostrazioni, attività "battesimo del mare", giochi e caccia al tesoro subacquea per i bimbi; alle 11 visione di un filmato documentario storico; alle 15 negli spazi a mare (rotonda-banchina-spiaggia) ancora dimostrazioni, attività "battesimo del mare", giochi e caccia al tesoro subacquea per i bimbi; alle 17 cerimonia di chiusura conb la consegna del premio "La città dei palombari" a MARIO GARZIA decano dei palombari italiani per i suoi 101 anni. Omaggio alla Medaglia d'Oro EMILIO BIANCHI nell'anno in cui compie 100 anni; consegna del premio "M.A.R.E. - LA CITTÀ DEI PALOMBARI" al capitano di vascello medico FABIO FARALLI.

Mostre da visitare: "Quando l'uomo sfida gli abissi", mostra storica presso l'ex convento Olivetano delle Grazie con esposizione di cimeli della collezione Galeazzi; "profondi sguardi", mostra fotografica presso l'ex convento Olivetano delle Grazie con immagini Andrea Angelucci, progetto Francesca Giacché;

"La cala del palombaro", ricostruzione statica presso l'ex convento Olivetano delle Grazie a cura di Giancarlo Bartoli e Gianfranco Vecchio; "La storia dei palombari del golfo spezzino", mostra fotografica presso la sede dell'Associazione Posidonia; "Le grandi navi nel fondo", mostra modellistica presso la sede della ProLoco Le Grazie, esposizione realizzazioni del Gruppo Modellisti Navali Spezzini.

Ma come nasce questa uiniziatuva sulla città dei palombari e dell'iperbarismo? Lo abbiamo chiesto a Marianoi Alberto Vignali, una delle anime principali del progetto.

"Questo evento - dice - prende il nome dalla definizione del borgo delle Grazie, sede storica ed attuale della Scuola Subacquei e Palombari della Marina Militare (oltre che sede del comando del Gruppo Operativo Subacquei della stessa Marina Militare), sede del Centro Nautico e Sommozzatori della Polizia di Stato e di importanti strutture formative, tecniche, scientifiche e culturali legate al mondo subacqueo, oltre che comunità legata allo sviluppo dell'attività subacquea sin dagli albori dell'immersione e casa di molti palombari che hanno scritto la storia di questa professione. Oggi la baia delle Grazie è anche un interessante centro logistico e turistico per lo sviluppo del settore subacqueo, a pochi minuti da tre aree marine protette, vicino ai principali parchi naturali del Tirreno, e luogo di grande tradizione per il settore della subacquea e della marineria italiana. Nell'anno 2007, con la delibera n. 8 della giunta comunale di Porto Venere, la frazione delle Grazie è stata denominata La Città dei palombari e dell'iperbarismo in quanto sede unica, su tutto il territorio nazionale, di organismi specializzati legati alla subacquea".

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(1 Voto)

Ultimi da Gino Ragnetti

Spezia? Non è zona sismica. Però...

Domenica, 30 Giugno 2013 17:30 cronaca
di Gino Ragnetti LA SPEZIA – Ma Spezia, è zona sismica o no? Siamo in pericolo anche noi come gli amici dell'Emilia? È questa ormai la domanda che ricorre più… Leggi tutto
Gino Ragnetti
GENOVA. E' stato siglato questa mattina in commissione consiliare salute un accordo sulla proposta operativa, presentata dall'ARS, l'agenzia regionale della sanità, per la messa a regime dei nuovi presidi per… Leggi tutto
Gino Ragnetti

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa