Nuovi orari ferroviari e tariffe: la lettera aperta del Presidente del Parco delle Cinque Terre all'Assessore regionale Berrino In evidenza

Dopo le richieste e gli incontri che non hanno portato ad alcuna mediazione tra le posizioni dei comuni delle Cinque Terre e dell'Ente Parco da un lato e Trenitalia dall'altro, Il Presidente del Parco Nazionale delle Cinque Terre Vittorio Alessandro scrive all'Assessore regionale ai trasporti Berrino ribadendo le richieste, la necessità di trovare una soluzione e, in caso ciò non avvenisse, disegnando quelli che sarebbero gli scenari futuri.

Lunedì, 28 Dicembre 2015 09:16

Gentilissimo Assessore,

con riferimento alla nota di giorno 24 dicembre, è doveroso ribadire che, purtroppo, le richieste del Parco e dei Comuni non sono fin qui state accolte. Esse riguardavano la necessità di prevedere un aumento delle fermate e la combinazione della tanto auspicata "linea dedicata" con il sistema attuale, in modo da non produrre una lievitazione dei costi tariffari come quella ora proposta da Trenitalia.

La formula da noi avanzata consentirebbe, infatti, di venire incontro senza forzature alle richieste dei residenti (lavoratori e studenti) pendolanti verso e dai Comuni esterni alle Cinque Terre. Soprattutto essa eviterebbe livelli di aumento tariffario il cui annuncio ha sollevato la preoccupazione delle Comunità delle Cinque Terre e dei Comuni vicini, per il fondato timore che un così consistente costo del treno – unico, in Liguria – si risolva in un sostanziale, reciproco isolamento.

La quota di 10 euro sulla Carta Treno+Servizi del Parco che, secondo quanto previsto, Trenitalia ora rivendica (solo ora, e non nello schema di accordo proposto lo scorso maggio 2015), produrrebbe inoltre un aumento del costo della Carta stessa pari al 50 per cento, assolutamente impattante rispetto ad equilibri tariffari sui quali verte una dinamica del turismo assai delicata.

Con la presente si propone dunque la possibilità che non vengano introdotti aumenti tariffari per il tempo necessario a definire gli aggiustamenti dell'orario il più possibile aderenti alle richieste dell'utenza.

Riguardo all'accordo fra Ente Parco e Trenitalia, non si ravvisa al momento la possibilità di un suo raggiungimento. Il Parco ha richiesto alla Società la proroga al 31 marzo dell'attuale convenzione, il cui rinnovo non potrà comunque che scaturire dalle previsioni tariffarie contenute nel contratto che essa stabilirà con codesta Regione.

In assenza di riscontro della controparte, l'Ente Parco sarà costretto a dismettere, dal prossimo 1° gennaio, il finanziamento di servizi essenziali quali il trasporto pubblico gommato e la gestione dei rifiuti; il sostegno all'agricoltura; interventi sul territorio e sul mare in forma diretta e/o mediata dalle Amministrazioni locali.

Non potrà altresì essere rinnovato il contratto europeo per l'organizzazione di accoglienza che impegna circa cento persone, quasi tutte residenti nel territorio, dedicate – tra l'altro - al presidio delle stazioni ed alla rivendita, puntuale e ramificata, del biglietto ferroviario.

In attesa di cortesi risposte, invio i più distinti saluti.

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Parco Nazionale delle Cinque Terre

Scelto dal ministro Costa. La presidente Donatella Bianchi: "Si completano gli organi direttivi". Leggi tutto
Parco Nazionale delle Cinque Terre
Verrà inviato il materiale, sotto forma di dispense, a ciascun iscritto alla giornata formativa. Leggi tutto
Parco Nazionale delle Cinque Terre

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa