Autismo, ecco una nuova App: qualche dritta dal Collegio Ipasvi spezzino In evidenza

di Francesco Falli, presidente Collegio provinciale Ipasvi - Alcuni Colleghi Infermieri, venuti a conoscenza di una nuova tecnologia, ci hanno chiesto di aiutare la diffusione della notizia: si tratta di un'applicazione (App) creata per superare (in ambiente ospedaliero, o comunque sanitario) le difficoltà comunicative, tipiche di persone affette da disturbi dello spettro autistico o da altre patologie psichiatriche,tutte fortemente caratterizzate dalla barriera comunicativa, che può sorgere in modo incontrollabile.

Lunedì, 21 Settembre 2015 20:03

Naturalmente, il problema diventa insormontabile sia per il malato che peril personale sanitario, che per meglio poter assistere la persona ha -per prima cosa- il bisogno di capire, anche attraverso la comunicazione parlata, i segni, i sintomi, le sensazioni: ma purtroppo, in molte di queste patologia il tratto della ''comunicazione interrotta'' è una caratteristica costante, comunque, anche al di fuori dell'ambiente sanitario. La Fondazione bambini e Autismo di Pordenone ha prodotto e testato direttamente (con la propria equipe di ricerca) il funzionamento di una nuova App, creata per gli iPad; il suo nome è Vi.Co. Hospital (VIsual COmmunication). Si tratta di una sorta di interfaccia di comunicazione comunicativa tra persone con autismo (e patologie assimilabili) e tutto il personale che si rapporta con essi: medici,infermieri,operatori terapeutici, educatori; ma naturalmente aiuta anche nel 'dialogo' con familiari e caregiver (chi collabora all'assistenza). In un contesto sanitario potrà, ad esempio, favorire l'espletamento di esami clinici in un assetto collaborativo. L'applicazione offre la scelta, a seconda del livello di comprensione, fraun codice basato su icone, o foto, o video, per ''spiegare'' alla persona con difficoltà come avvengono le visite, e gli esami medici. Il programma prevede anche una specie di ''premio progressivo'' perl'utente, che viene così invogliato a seguire le indicazioni e a restarenel percorso, per giungere all'obiettivo (poter fare una visita medica,fare gli esami del sangue, e ciò che è necessario per raggiungere unadiagnosi, e così intervenire)... A parere dello scrivente Collegio IPASVI spezzino questa applicazione rappresenta un grande, potenziale aiuto per poter raggiungere quello che a volte è veramente una sorta di 'mondo riservato' nel quale vive, per la patologia che lo caratterizza, l'individuo autistico. E' perciò importante parlarne, per poter conoscere, ed eventualmente approfondirne, i contenuti pratici. (21 settembre)

 

Autore
Vota questo articolo
(5 Voti)
OPI Ordine Infermieri La Spezia

Via Paolo Emilio Taviani, 52
19125 La Spezia

Tel. 0187/575177
Fax: 0187/283942

Email: ipasvisp@cdh.it

 

Ultimi da OPI Ordine Infermieri La Spezia

L'Ordine risponde punto per punto: "Siamo a totale disposizione, per capire dove possiamo trovare un punto di contatto e di comunicazione" Leggi tutto
OPI Ordine Infermieri La Spezia
Alcuni professionisti scrivono all'OPI per fare delle precisazioni. Leggi tutto
OPI Ordine Infermieri La Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa