Autismo, ecco una nuova App: qualche dritta dal Collegio Ipasvi spezzino In evidenza

di Francesco Falli, presidente Collegio provinciale Ipasvi - Alcuni Colleghi Infermieri, venuti a conoscenza di una nuova tecnologia, ci hanno chiesto di aiutare la diffusione della notizia: si tratta di un'applicazione (App) creata per superare (in ambiente ospedaliero, o comunque sanitario) le difficoltà comunicative, tipiche di persone affette da disturbi dello spettro autistico o da altre patologie psichiatriche,tutte fortemente caratterizzate dalla barriera comunicativa, che può sorgere in modo incontrollabile.

Lunedì, 21 Settembre 2015 20:03

Naturalmente, il problema diventa insormontabile sia per il malato che peril personale sanitario, che per meglio poter assistere la persona ha -per prima cosa- il bisogno di capire, anche attraverso la comunicazione parlata, i segni, i sintomi, le sensazioni: ma purtroppo, in molte di queste patologia il tratto della ''comunicazione interrotta'' è una caratteristica costante, comunque, anche al di fuori dell'ambiente sanitario. La Fondazione bambini e Autismo di Pordenone ha prodotto e testato direttamente (con la propria equipe di ricerca) il funzionamento di una nuova App, creata per gli iPad; il suo nome è Vi.Co. Hospital (VIsual COmmunication). Si tratta di una sorta di interfaccia di comunicazione comunicativa tra persone con autismo (e patologie assimilabili) e tutto il personale che si rapporta con essi: medici,infermieri,operatori terapeutici, educatori; ma naturalmente aiuta anche nel 'dialogo' con familiari e caregiver (chi collabora all'assistenza). In un contesto sanitario potrà, ad esempio, favorire l'espletamento di esami clinici in un assetto collaborativo. L'applicazione offre la scelta, a seconda del livello di comprensione, fraun codice basato su icone, o foto, o video, per ''spiegare'' alla persona con difficoltà come avvengono le visite, e gli esami medici. Il programma prevede anche una specie di ''premio progressivo'' perl'utente, che viene così invogliato a seguire le indicazioni e a restarenel percorso, per giungere all'obiettivo (poter fare una visita medica,fare gli esami del sangue, e ciò che è necessario per raggiungere unadiagnosi, e così intervenire)... A parere dello scrivente Collegio IPASVI spezzino questa applicazione rappresenta un grande, potenziale aiuto per poter raggiungere quello che a volte è veramente una sorta di 'mondo riservato' nel quale vive, per la patologia che lo caratterizza, l'individuo autistico. E' perciò importante parlarne, per poter conoscere, ed eventualmente approfondirne, i contenuti pratici. (21 settembre)

 

Autore
Vota questo articolo
(5 Voti)
OPI Ordine Infermieri La Spezia

Via Paolo Emilio Taviani, 52
19125 La Spezia

Tel. 0187/575177
Fax: 0187/283942

Email: ipasvisp@cdh.it

 

Ultimi da OPI Ordine Infermieri La Spezia

Scoperto un infermiere "abusivo"

Martedì, 28 Maggio 2019 18:26 comunicati-sanità
L'OPI invita tutti a controllare a chi ci si affida, anche per l'assistenza domiciliare. Basta un click. Leggi tutto
OPI Ordine Infermieri La Spezia
Dall'OPI spezzino giunge una precisazione su alcuni commenti sulla festa dei nuovi laureati in infermieristica, che insistono su una versione ''stereotipata'' della professione. Leggi tutto
OPI Ordine Infermieri La Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa