Delta TauKai: considerazioni dopo un fine settimana agitato

Siamo soddisfatti. Volevamo aprire un dibattito sulla questione giovanile e ci siamo riusciti. Volevamo dare un segnale, un gesto concreto, e, nonostante non nelle forme che speravamo, ci siamo riusciti.

Martedì, 11 Settembre 2012 13:06

I temi che abbiamo posto non sono solo quelli degli spazi e del divertimento, abbiamo parlato di diritti di cittadinanza, di possibilità e di futuro. La nostra generazione vive tre mesi alla volta, costretta nella ripetizione continua di un presente precario. Una condizione che esclude l'idea del futuro, la capacità di immaginarlo e la possibilità stessa del cambiamento. In queste settimane noi abbiamo iniziato a ricostruire una nostra identità collettiva basata sulla nostra voglia di immaginare una città diversa.

Il collettivo Delta Tau Kai esiste solo da poche settimane eppure per noi è già tempo di considerazioni e bilanci.

Quello che abbiamo capito è che il punto non sta in ciò che abbiamo ottenuto, in cosa abbiamo o non abbiamo fatto, perchè qui, il punto, non è ciò che facciamo ma chi siamo.

Noi siamo ragazze e ragazzi di Spezia, viviamo fuori città per la maggior parte del tempo eppure amiamo una città e un golfo che poco si meritano. Non vogliamo restare esuli, vogliamo avere la possibilità di tornare anche se la città è poco accogliente.

Se crediamo in qualcosa siamo pronti a spenderci tempo, energie, denaro. Perchè abbiamo capito che se ci si mette insieme si possono realizzare grandi imprese e che è meglio cooperare per un obiettivo comune che competere e restare soli.

Ma sopratutto abbiamo capito in cosa siamo diversi. Noi non vogliamo abbandonarci all'idea dell'esistente: di ciò che è così e è irrimediabilmente destinato a restare tale. Non vogliamo starcene in disparte a guardare.

Noi immaginiamo il cambiamento e non ci stancheremo di provare a realizzarlo. Indipendentemente dai risultati che possiamo ottenere, dalle battaglie che possiamo vincere: è così che vogliamo essere.

E a chi è disfattista e non ci crede noi rispondiamo: quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare!

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

 Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Il vicesindaco di Sarzana Costantino Eretta replica alle opposizioni dopo l'ultimo consiglio comunale sulla situazione della sanità. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
Oltre al guidatore massimo 2 passeggeri per ogni fila posteriore e 1 passeggero nel posto anteriore. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa