Grotta Byron, i vandali non la passeranno liscia In evidenza

PORTO VENERE - "Gli atti di vandalismo e di disturbo che nelle ultime settimane hanno interessato Porto Venere hanno raggiunto un livello vergognoso"

Venerdì, 03 Agosto 2012 15:50
.

Così il Comune di Porto Venere reagisce agli episodi di teppismo che hanno rovinato negli ultinmi tempoi l'immagine dle borgo, sito Unesco e Parco Naturale Regionale. Ultimo grave episodio, in ordine di tempo, come potete leggere anche in altra parte del giornale, lo sfregio alle mura della Grotta Byron, imbrattate con scritte volgari.

"Siamo impegnati ad aumentare la sorveglianza ed il controllo del territorio - annuncia il Comune - in collaborazione con tutte le forze dell'ordine sotto il coordinamento della Prefettura. Ma il problema è ben più grande: si tratta di una sfida culturale che ci deve vedere tutti impegnati. Chi si permette di sfregiare un bene che non è di Porto Venere ma di tutta l'umanità si pone fuori dalla comunità, dai suoi valori e dalla sua storia. Dobbiamo sorvegliare affinché questi episodi non accadano più, affinché i nostri principi di civile convivenza non siano messi a rischio. Sorvegliare ed informare le Autorità nel caso si vedano questi vandali non è delazione ma atto di civiltà. Abbiamo già provveduto a denunciare l'accaduto ai carabinieri e a procede al restauro".

(3 agosto 2012)

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa