Parziale assoluzione per la doc dell'ospedale di Pontremoli che aiutò una gatta incinta

Venerdì mattina davanti al tribunale militare di Roma, il procuratore Marco De Paolis ha chiesto e ottenuto l'assoluzione di Barbara Balanzoni "perché il fatto non sussiste" dall'accusa di disobbedienza aggravata e continuata.

Sabato, 08 Febbraio 2014 09:38

La dottoressa 39enne di Crevalcore, tenente medico riservista dell'esercito - ora lavora all'ospedale di Pontremoli - era finita alla sbarra per avere salvato una gatta che stava morendo di parto nel maggio 2012, durante una missione in Kosovo. Un gesto che ha cozzato con il divieto di avvicinare animali randagi e che le era costato anche cinque giorni di consegna. La formula di assoluzione, pronunciata prima che il dibattimento fosse aperto, tuttavia non chiude il processo di Barbara Balanzoni che deve rispondere anche dei reati di diffamazione aggravata ed ingiuria aggravata e continuata.

 

È GRATIS! Compila il form per ricevere via e-mail la nostra rassegna stampa.

Gazzetta della Spezia & Provincia non riceve finanziamenti pubblici, aiutaci a migliorare il nostro servizio con una piccola donazione. GRAZIE

Autore
Vota questo articolo
(0 Voti)
...

Ultimi da Redazione Gazzetta della Spezia

Nella lista aggiornata dei decessi anche una donna di 69 anni scomparsa nei giorni scorsi al San Bartolomeo di Sarzana. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia
L'incidente è accaduto a una 35enne a Punta Corvo. Leggi tutto
Redazione Gazzetta della Spezia

Continua lettura nella stessa categoria:

Lascia un commento

Informiamo che in questo sito sono utilizzati "cookies di sessione" necessari per ottimizzare la navigazione, ma anche "cookies di analisi" per elaborare statistiche e "cookies di terze parti".Puoi avere maggiori dettagli e bloccare l’uso di tutti o solo di alcuni cookies, visionando l'informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies. Leggi informativa